Sisi vs Bonami. Esiste una peculiarità dell’arte? 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Sisi vs Bonami. Esiste una peculiarità dell’arte?

   
 Se vi sentite naufraghi impotenti in balìa del sistema dell’arte che tutto e regola e tutto può, siate pronti a cambiare idea. Noi spettatori siamo i “dittatori del domani”. Lo assicura Francesco Bonami, nuovo direttore della Biennale di Venezia, con la maieutica di Carlo Sisi... Silvia Bottinelli 
 
pubblicato
La dittatura dello spettatore. Ecco il sottotitolo di Sogni e conflitti, la prossima Biennale di Venezia che aprirà i battenti a giugno 2003. “Dittatori” non per via delle indagini che modellano il mercato sui nostri presunti desideri. E nemmeno perché siamo coinvolti direttamente nelle opere d’arte che vediamo. Ma perché saremo finalmente liberi di scegliere cosa soffermarci a guardare, tra le 100 presenze alla Mostra di Venezia. Via i video di lunghezza incommensurabile, che ci hanno costretto in passato a dedicare il tempo di una giornata ad una minima porzione delle proproste.
Ce lo promette Francesco Bonami, il nuovo direttore dell’evento veneziano.
Fiorentino per nascita e formazione, il curatore è stato invitato dall’Università di Firenze e dalla Fondazione Pitti Immagine Discovery a confrontarsi nuovamente con la città. Un acceso dibattito ha preso corpo, il 5 dicembre, nell’Aula Magna universitaria. Al tavolo con Bonami, Maria Grazia Messina, docente di Storia dell’Arte Contemporanea all’Università di Firenze e Carlo Sisi, direttore della Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti e del Museo Marino Marini.
Qual è la peculiarità dell’arte visiva? La domanda d’apertura di Carlo Sisi ha fatto da leit Motiv a tutta la serata. Esiste una metodologia precisa per valutare e definire cosa sia arte? Per Bonami, è impossibile stabilirne i tratti caratteristici. I motivi sono antropologici: la percezione dell’immagine da parte dell’individuo si è trasformata. Entra in gioco l’aspettativa dello spettatore. Esiste la necessità di una realtà artistica in relazione con il contesto politico sociale, che contribuisca alla sua trasformazione. Niente paura. Non dobbiamo aspettarci un’altra Kassel a Venezia. Non documentari che ripresentano la realtà per quello che è, ma vere e proprie opere d’arte, frutto della “digestione” del reale da parte degli artisti. Ci saranno video e fotografie, certo. Ma non solo.
Francesco Bonami non si sbilancia con le anticipazioni. Anche perché la sua Biennale conterrà otto mostre nella mostra, assolutamente indipendenti e curate da personalità diverse. Nel Padiglione Italia, “Ritardi e rivoluzioni” porterà la firma dello stesso Bonami. Quale tendenza emergerà dalla selezione degli artisti? Nessuna tendenza. Solo lo specchio di un panorama globale. E l’esigenza di rimanere ancorati all’identità locale, rendendo il proprio linguaggio accessibile a tutti.

articoli correlati
Biennale di Venezia, presentata la grande kermesse di Francesco Bonami
Francesco Bonami, la prima intervista

silvia bottinelli


dall’incontro “La dittatura dello spettatore”, con Francesco Bonami e Carlo Sisi,
coordinato da Maria Grazia Messina
promosso dall’Università di Firenze (Dipartimento di Storia delle Arti e dello Spettacolo) e dalla Fondazione Pitti Immagine Discovery,
5 dicembre 2002, ore 16,30, Aula Magna dell’Università di Firenze (piazza San Marco 4)


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Silvia Bottinelli
vedi calendario delle mostre nella provincia Firenze
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Carlo Sisi, Francesco Bonami, Maria Grazia Messina, Marino Marini, Pitti Immagine, Rossi, Silvia Bottinelli
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram