“Filantropia tossica” al Whitney 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/03/2019
L’open day della Rome University of Fine Arts, per rilanciare San Lorenzo
19/03/2019
ARTOUR-O il MUST compie quindici anni e festeggia a Firenze, tra arte design e moda
19/03/2019
A Walk on the Wildside alla New York Public Library, con l'archivio di Lou Reed
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

“Filantropia tossica” al Whitney

   
   
 
“Filantropia tossica” al Whitney
pubblicato

Dopo l’annuncio degli artisti per la prossima Whitney Biennale non si fermano le proteste degli attivisti e degli artisti contro quella che Michael Rakowitz ha definito "filantropia tossica”, rifiutando l’invito ad esporre.
Oltre a questo caso vi è stato anche il gruppo attivista Decolonize This Place che ha annunciato mercoledì un piano di "Nove settimane d'arte e azione" in opposizione all'affiliazione di Whitney con Warren B. Kanders, vice presidente del consiglio del museo ma soprattutto amministratore delegato di Safariland, una società che produce bombole di lacrimogeni e altri prodotti usati contro i richiedenti asilo sul confine tra Stati Uniti e Messico.
La prima protesta della serie è fissata per il 22 marzo, ma i dettagli sugli eventi non sono chiari: il programma parla di tattiche, die-in, la creazione di manifesti e letture. Il Whitney ha rifiutato di commentare ma, già lo scorso novembre, dopo un rapporto che metteva nero su bianco i legami di Kanders con Safariland, pubblicato da Hyperallergic, 100 membri dello staff del Whitney firmarono una lettera aperta che invitava il museo a valutare se chiedere all’uomo di dimettersi dal consiglio. 


Fonte: Artnews

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram