Fino al 15.III.2019 - Arman. La memoria degli oggetti - MAAB Gallery, Milano. 3089 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/05/2019
Ai Weiwei mette a dura prova la Kunstsammlung di Dusseldorf
17/05/2019
Artists Development Programme 2019. Tra i vincitori del concorso anche Pamela Diamante
17/05/2019
Sull'isola greca di Delo sbarcano le opere di Antony Gormley
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 15.III.2019
Arman. La memoria degli oggetti
MAAB Gallery, Milano.

   
  Gaia Tonani 
 
Fino al 15.III.2019 - Arman. La memoria degli oggetti - MAAB Gallery, Milano. -
pubblicato

Il 7 febbraio 2019 è stata inaugurata la mostra dal titolo "La memoria degli oggetti” dell’artista francese Armand Pierre Fernandez, noto come Arman, presso la MAAB Gallery di Milano.
Artista di spicco del Nuovo Realismo e produttivo dalla seconda metà del Novecento, sperimentando e toccando differenti espressioni artistiche dalla pittura, alle stampe, alla scultura fino a sfociare nel panorama quotidiano realizzando assemblaggi, raccolte di materia e addirittura smembrando o distruggendo gli oggetti.
Il movimento a cui aderisce prende ispirazione dalle visioni delle avanguardie dadaiste, condannando l’arte tradizionale, un senso di repulsione verso l’operato accademico, ma ancora di più verso le istituzioni e i canoni ripartiti nella società.
In mostra una serie di opere realizzate durante gli anni Sessanta e Settanta, in cui gli oggetti diventano protagonisti assoluti della sua arte, sottoponendosi ad un’azione distruttiva della loro funzione reale per raggiungere nuove forme di espressività. 

null
Arman. La memoria degli oggetti MAAB Gallery, Milano.

Un’azione invasiva che non lascia scampo, come la società che ci circonda indirizzandoci verso un genere di visione alienante.
In opere come Accumulation Renault e Colere de Television è evidente il suo lavoro basato sull’accumulazione degli oggetti per contestare gli anni dell’esplosione consumistica e di carattere tecnologico.
Nel suo operato è importante anche l’espressività del gesto, l’accostamento dei corpi che vengono portati via dal loro contesto e catapultati in materia statica come cemento e plastica.
Gli strumenti musicali sono gli oggetti che vengono vivisezionati maggiormente, perdendo il loro essere davanti ai nostri occhi, completamente mutati attraverso esplosioni ed immissioni. 
L’oggetto diventa opera d’arte nel momento in cui viene sottoposto ad un’azione demolitrice, esattamente come la società impartisce, distruggendo ogni nostro valore morale. 

Gaia Tonani
Mostra visitata il 7 febbraio 2019

Da lunedì 7 febbraio al 15 marzo 2019
Arman. La memoria degli oggetti
MAAB gallery – Via Nerino 3, 20123 Milano - +39 02 89281179
Orari: dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 18 – sabato su appuntamento
Info: segreteria@artemaab.com / www.artemaab.com


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Gaia Tonani
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram