Fino al 9.III.2019 - Isabel Alonso Vega – SENZA FUOCO - White Noise Gallery, Roma 3077 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/05/2019
I capolavori degli Uffizi, raccontati dalle voci degli attori
23/05/2019
Banksy è stato allontanato dai vigili mentre "esponeva" senza autorizzazione a Venezia
23/05/2019
Il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci sul tuo smartphone, grazie all’app
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 9.III.2019
Isabel Alonso Vega – SENZA FUOCO
White Noise Gallery, Roma

   
  Valentina Muzi 
 
Fino al 9.III.2019 - Isabel Alonso Vega – SENZA FUOCO - White Noise Gallery, Roma
pubblicato

Isabel Alonso Vega (Madrid, 1968) presenta "SENZA FUOCO” presso la White Noise Gallery di Roma. 
L’artista spagnola trae ispirazione dal testo tardo-medievale "La nube della non-conoscenza” scritto da un anonimo inglese. Il testo in questione parla della contemplazione divina indirizzata ad un giovane che sta per intraprendere il percorso ascetico. Ciò che si evince sin dai primi capitoli è che l’essenza dell’arte contemplativa è sita nella liberazione da tutte le sovrastrutture reali, da ogni conoscenza specifica (peccati, passioni e addirittura le virtù). Questa "depurazione” guiderà verso una nube d’oblio, immergendoci in una dimensione astratta mirando a quell’indefinito spazio -ovvero il dovunque- e a quell’indefinito tempo -ovvero il tutto. 
Sulla base di questo, la ricerca artistica di Alonso Vega pone l’attenzione sull’onirico e sull’indefinito creando opere che guidano il pubblico in un mondo "altro”. La sua ispirazione però non confina i lavori nella ristretta matrice dogmatica del testo, anzi, lei la declina in un’ottica meditativa senza far riferimento ad alcuna categoria. Una dimensione sognante che si formalizza nelle sue opere attraverso l’utilizzo di tecniche diverse come fuliggine e foglia d’oro su plexiglass e carboncino su carta. 

null
Isabel Alonso Vega - Senza fuoco, vista della mostra

Le opere, di base bidimensionale, sono poste in teche conducendo il pubblico in un gioco visivo e dinamico. Ogni piccola sezione di nube cambia e si armonizza alle altre a seconda del punto di vista dalla quale la si guardi. Lo spazio si riempie dapprima con nuvole nere, che offuscano e circondano, riconducibili a quegli aloni indefiniti di dolore e di sofferenza che ci tengono attanagliati in una dimensione di stasi e di abbrutimento. Quando però prendiamo consapevolezza di questo aspetto parte lo sforzo umano, morale, per poter superare ogni ostacolo che ci tiene fermi e assorti nel nostro essere. Un punto di partenza per un continuo avanzamento con l’obiettivo di raggiungere un’altra dimensione, astratta, portandoci alla conoscenza vera di qualcosa di indefinito.
Le forme archetipiche protagoniste dialogano con l’inconscio accompagnando il fruitore in un percorso di astrazione e illuminazione innescato dalle due cromie prevalenti: il nero e l’oro.
Tali cromie dividono la stessa White Noise ponendo il pubblico a fare esperienza del processo conducendolo dapprima nella sezione noir e poi nella sezione d’orata, giungendo in una profondità sospesa, di pace e appagamento, dove la parola perde ogni suo valore e diventa incapace di spiegare qualcosa che si può solo percepire attraverso i sensi.

Valentina Muzi 

Dal 22 gennaio al 9 marzo 2019
Isabel Alonso Vega – SENZA FUOCO 
White Noise Gallery
Via della Seggiola, 9, Roma
Info: info@whitenoisegallery.it
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Valentina Muzi
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram