Come cambia la Biennale di Lione. Dalla sede al direttore, le novità della prossima edizione 3055 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/05/2019
Il viaggio di Arca Collective inizia dalla sede di Fondazione Romaeuropa
25/05/2019
Leica celebra il centenario Bauhaus con una fotocamera da collezione
25/05/2019
Massimo Osanna riconfermato alla guida del Parco Archeologico di Pompei
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Come cambia la Biennale di Lione. Dalla sede al direttore, le novità della prossima edizione

   
   
 
Come cambia la Biennale di Lione. Dalla sede al direttore, le novità della prossima edizione
pubblicato

Dal 18 settembre 2019 al 5 gennaio 2020, torna l’appuntamento con una delle più importanti manifestazioni riguardanti l’arte contemporanea: la Biennale di Lione. Nata nel 1991 dalla collaborazione fra Thierry Raspail e Thierry Prat, la Biennale di arte contemporanea si affianca e si alterna a quella della Danza, presente nella città francese dal 1984. 
Nell’ottica di promuovere la Francia e la regione di Lione sulla scena artistica internazionale, entrambe cercano di rivolgersi a un pubblico che sia il più ampio possibile, allo scopo di educarlo all’arte e accrescere il numero degli appassionati. Entrambe mirano anche a sostenere la creazione e la diffusione di nuove opere, dedicando ogni anno buona parte del budget alla produzione di inediti artistici e coreografici. 
Giunta alla sua quindicesima edizione, la Biennale di Lione proporrà davvero molte novità, a cominciare dall’assenza del suo storico direttore artistico e co-fondatore, Raspail, direttore anche del Musèe d’Art Contemporain di Lione. In seguito alle sue dimissioni, a prenderne il posto sarà la neodirettrice del MacLYON, Isabella Bertoletti. La storica dell’arte non è nuova nell’ambiente, con cui collabora come curatrice dal 1995. Formatasi alla Lyon 2 University e all’Ecole du Louvre, oltre che co-fondatrice della manifestazione Rendez-vous, che si svolge in parallelo con la Biennale, la Bertoletti è anche presidentessa dell’ADERA-Association des écoles supérieures d’art et de design de la région Auvergne-Rhône-Alpes, che si occupa di accompagnare molti artisti nei loro progetti editoriali ed espositivi. 
Nuova sarà anche la sede: la Biennale abbandona la Sucrière, che la aveva ospitata nella sua scorsa edizione – diretta da Emma Lavigne e Raspail – per spostarsi nel distretto Gerland e occupare i 29mila mq dell’ex fabbrica di Fagor, luogo emblematico della storia della città. Attiva dal 1945 al 2015, la fabbrica era infatti una delle ultime all’interno dell’area urbana. 
Come avevamo anticipato, a curare l’esposizione sarà il team di curatori del Palais de Tokyo, composto da Adelaide Bianco, Daria de Beauvais, Yoann Gourmel, Matthieu Lelièvre, Vittoria Matarrese, Claire Moulène e Hugo Vitrani. Guidati dal loro direttore, Jean de Loisy, questi hanno trasformato gli ampi locali dello spazio industriale in una specie di grande ecosistema dal clima instabile e dal paesaggio irregolare, chiamando a collaborare, per le opere in situ, una cinquantina di artisti di varie nazionalità e di varie generazioni. 
Se la quattordicesima edizione della Biennale proponeva un percorso di meditazione e contemplazione – ospitato nelle sale del MacLYON – e di riflessione politica e sociale – nelle sale della Sucrière – quella del 2019 cercherà di celebrare le capacità produttive e culturali, mostrando tutte le possibili interazioni fra l’arte e i rami dell’economia, del commercio, della biologia, quindi riguardo all’utilizzo dei materiali e delle risorse, e della cosmogonia, ossia, i rapporti con il mondo spirituale. Nel dare il loro contributo, agli artisti è stato chiesto di tenere conto della storia e dell’architettura dell’ex fabbrica, oltre che del suo contesto sociale: l’incrociarsi di elementi politici, poetici e estetici, all’interno del dimesso ambiente industriale, risulterà dunque davvero suggestivo. 
Grazie alla collaborazione fra lo IAC-Institute d’art contemporaine, il MacLYON, la Scuola nazionale delle Belle Arti e la Biennale, non mancherà neanche quest’anno uno spazio dedicato agli artisti emergenti, intitolato Young international artists/Biennale e ospitato dallo IAC di Villeurbanne, un Comune limitrofo di Lione. (Lucrezia Cirri)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram