La Procura chiude le indagini sui falsi Modigliani di Genova. Ci sono tre nuovi indagati 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/05/2019
Il viaggio di Arca Collective inizia dalla sede di Fondazione Romaeuropa
25/05/2019
Leica celebra il centenario Bauhaus con una fotocamera da collezione
25/05/2019
Massimo Osanna riconfermato alla guida del Parco Archeologico di Pompei
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

La Procura chiude le indagini sui falsi Modigliani di Genova. Ci sono tre nuovi indagati

   
   
 
La Procura chiude le indagini sui falsi Modigliani di Genova. Ci sono tre nuovi indagati
pubblicato

La Procura ha chiuso le indagini sul caso dei falsi Modigliani esposti a Palazzo Ducale di Genova, iscrivendo al registro degli indagati altre tre persone. Si tratta di Nicolò Sponzilli, direttore di Mondo Mostre Skira, Rosa Fasan, dipendente di Mondo Mostre Skira, e Piero Ottorino Martino Pedrazzini, collezionista e proprietario di una delle 21 tele sequestrate. 
I fatti risalgono all’estate del 2017, quando Carlo Pepi, collezionista etra i più insigni studiosi di Modigliani, si scagliò contro l’esposizione curata da Rudy Chiappini, ex direttore del Museo d’Arte di Lugano: «Ho avuto la disgrazia di vedere il catalogo della mostra del povero bistrattato Modigliani a Genova e come temevo, rarissime sono le opere di sua mano». La polemica avvampò immediatamente e la Procura di Genova aprì un’inchiesta, che inizialmente coinvolse il presidente di Mondo Mostre Skira, Massimo Vitta Zelman, il curatore della mostra, Chiappini, e Joseph Guttmann, art dealer di origini ungheresi, proprietario di metà delle 21 opere sequestrate, specializzato in arte fiamminga e Rinascimento italiano. Il procuratore aggiunto, Paolo D’Ovidio, fece analizzare i dipinti a tre esperte che, nella loro perizia, dichiararono che si trattava di tele «grossolanamente falsificate» sia «nel tratto» che «nel pigmento». Secondo i risultati delle analisi multispettrali, infatti, i colori utilizzati non esistevano prima degli anni Sessanta. La storia fece il giro del mondo, con tanto di rogatoria internazionale per acquisire maggiori informazioni e il coinvolgimento delle polizie di Stati Uniti, Gran Bretagna e Svizzera. Così, la mostra di Genova chiuse in anticipo e i visitatori ottennero il risarcimento del biglietto, attraverso l’operato della Assoutenti. 
Ora la Procura può finalmente chiudere le indagini e andare a processo, al quale dovranno figurare, quindi, sei persone. Sponzilli e Fasan, infatti, sono chiamati a rispondere a proposito di un documento con falso logo del Comune di Genova, «Apparentemente diretto alla Direzione generale archeologica belle arti del ministero per i Beni culturali e apparentemente a firma del direttore Cultura e turismo del Comune di Genova». Per Pedrazzini, invece, l’accusa è di contraffazione, così per gli indagati della prima ora, Chiappini, Guttmann e Vitta Zelman, che dovranno rispondere anche delle accuse di truffa e ricettazione.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram