Mitico Jannis Kounellis. Fondazione Prada celebra il Maestro con una retrospettiva a Venezia 3076 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/03/2019
L’open day della Rome University of Fine Arts, per rilanciare San Lorenzo
19/03/2019
ARTOUR-O il MUST compie quindici anni e festeggia a Firenze, tra arte design e moda
19/03/2019
A Walk on the Wildside alla New York Public Library, con l'archivio di Lou Reed
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Mitico Jannis Kounellis. Fondazione Prada celebra il Maestro con una retrospettiva a Venezia

   
   
 
Mitico Jannis Kounellis. Fondazione Prada celebra il Maestro con una retrospettiva a Venezia
pubblicato

Si definiva un pittore, diceva di ispirarsi alle immagini del Rinascimento, ha contribuito in maniera decisiva al processo di rinnovamento estetico nel boom del dopoguerra ed è stato uno degli ultimi, grandi maestri di un certo modo di intendere la materia dell’arte, non solo in Italia. Jannis Kounellis era uno scrupoloso rivoluzionario, osservatore obliquo, a tratti scomodo, dei suoi e dei nostri tempi. E alla sua vita e alle sue opere, Fondazione Prada dedica la prima, ampia retrospettiva dopo la sua scomparsa, avvenuta il 16 febbraio 2017. La mostra sarà curata da Germano Celant, che tra il 1967 e il 1969 gettò le basi teoriche dell’Arte Povera, movimento di sintesi originale tra la poetica d’esportazione della Pop Art e la forte tradizione visiva italiana, nel cui alveo Kounellis mosse i suoi primi passi. 
Intitolata semplicemente "Jannis Kounellis”, l’esposizione aprirà l’11 maggio, nella sede veneziana della fondazione, a Palazzo di Ca’ Corner della Regina, e sarà visitabile fino al 24 novembre 2019. E siamo pronti a scommettere che risulterà tra gli appuntamenti più affollati nei giorni di apertura della 58ma Biennale d’arte di Venezia, a dimostrazione di una fama riconosciutagli più dalla storia e dalla critica che dal mercato. 
Il progetto, sviluppato in collaborazione con l’Archivio Kounellis, riunisce 70 lavori dal 1958 al 2016, provenienti da istituzioni e musei italiani e internazionali, come Tate Modern di Londra, Centre Pompidou di Parigi, Museum Boijmans Van Beuningen di Rotterdam, Walker Art Center di Minneapolis e Castello di Rivoli di Torino, oltre che da importanti collezioni private in Italia e all’estero. La mostra ricostruisce la storia artistica ed espositiva di Kounellis, nato al Pireo nel 1936, evidenziando gli sviluppi fondamentali della sua poetica e cercando di stabilire un dialogo tra le opere e gli spazi settecenteschi di Ca’ Corner della Regina. 
Si passa, così, dai primi lavori, esposti originariamente tra il 1960 e il 1966, al periodo successivo, quando la matrice concettuale doveva intrecciarsi con le operazioni poveriste, fino alle imponenti installazioni degli ultimi anni, passando attraverso le declinazioni olfattive, quegli inconfondibili sentori di caffè e grappa, le sperimentazioni con i metalli e con i processi di trasformazione della materia, come nelle combustioni. La retrospettiva è completata dalla presentazione di documenti, film, cataloghi, inviti, manifesti e fotografie d’archivio, che testimoniano la storia espositiva di Kounellis, oltre che da un focus dedicato ai suoi progetti in campo teatrale. 
La mostra è accompagnata da un volume che, con un saggio di Germano Celant e un’ampia cronologia illustrata, documenta e approfondisce il percorso biografico e professionale dell’artista. 

In home: Ritratto di Jannis Kounellis al Florian Caffe, 1975 Venezia. Foto Giorgio Colombo 
In alto: Ritratto di Jannis Kounellis con cavalli, Roma 1969 Galleria L'Attico. Foto Claudio Abate
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram