Fino al 5.IV.2019 - Yoje Dondich – La sinestesia delle forme - Palazzo dei Giureconsulti, ... 3075 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/05/2019
I capolavori degli Uffizi, raccontati dalle voci degli attori
23/05/2019
Banksy è stato allontanato dai vigili mentre "esponeva" senza autorizzazione a Venezia
23/05/2019
Il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci sul tuo smartphone, grazie all’app
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 5.IV.2019
Yoje Dondich – La sinestesia delle forme
Palazzo dei Giureconsulti, Milano

   
  Gaia Tonani 
 
Fino al 5.IV.2019 - Yoje Dondich – La sinestesia delle forme - Palazzo dei Giureconsulti, Milano
pubblicato

L’8 marzo 2019 è stata inaugurata la prima mostra italiana dell’artista messicana Yoje Dondich, dal titolo "La sinestesia delle forme”.
L’esposizione, ideata da Must Wanted Group che promuove l’arte messicana ad ampio spettro e la collaborazione del Consulado dei Mèxico en Milano, rimarrà fino al 5 aprile 2019 presso gli spazi della nota sede storica di Palazzo Giureconsulti.
Un percorso emozionale di 14 opere che accompagnano il visitatore verso un viaggio che lo porta ad incrementare la sua percezione, fino alla scoperta di nuove sensazioni.
Quella di Milano è la prima tappa del tour che proseguirà poi a Venezia durante il mese di maggio, in concomitanza alla Biennale, ed infine l’autunno prossimo nella città di Roma.
Yoje Dondich inizia il suo percorso attraverso una formazione che vede l’interesse su più fronti e sviluppando diverse consapevolezze: studiando psicologia e disegno, logoterapia ed infine Design d’interni. Non manca l’esperienza plastica presso alcuni importanti maestri messicani, tra cui Rolando Belfai, Isaac Stavans e Manuel Guilén.

null
Yoje Dondich, Lucentezza, 2012

Nelle sue prime realizzazioni si notano la tendenza a seguire la corrente surrealista, un’attenzione minuziosa all’oggetto e al dettaglio, ma negli anni Novanta la sua espressione cambia completamente inclinazione, focalizzandosi sul campo dell’astrazione e utilizzando la tecnica della pittura a olio.
È una sorta di equilibrio tra diversi fattori: pittura, colore, linea, forme si muovono sulla tela, diventando i veri protagonisti della messa in scena.
Il suo studio predilige la rappresentazione di un’incessante ricerca dei dubbi interiori, un esempio sono le opere "Tesoro nascosto” e "Ricerca infinita”, interessandosi anche a forme arabesche e configurazioni geometriche. 
Il colore stesso è un elemento predominante nel suo percorso, arrivando a sfociare con l’opera "Caleidoscopio” in cui i colori si interpellano l’uno con l’altro arrivando a creare forme geometriche vere e proprie.
Una mostra che ripercorre 25 anni del suo elaborato artistico e ben racconta il suo sviluppo e l’espressione stilistica maturata durante gli anni, fino a sfociare nella ricerca della volumetria e della raffigurazione dell’intuizione artistica che ben la differenzia ed esalta nel mondo artistico. 

Gaia Tonani
Mostra visitata il 13 marzo 2019

Dall'8 marzo al 5 aprile 2019
Yoje Dondich – La sinestesia delle forme
Palazzo dei Giureconsulti, Milano 
Piazza Mercanti 2
Orari: da lunedì a domenica 9.30 – 18.30
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Gaia Tonani
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram