CASE AD ARTE 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/04/2019
121 disegni di Andy Warhol saranno esposti per la prima volta a New York
20/04/2019
Il Whitney Museum di New York mette online le risorse sulla sua biennale
20/04/2019
Le squadre della Eredivisie giocano a calcio con Rembrandt
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

CASE AD ARTE

   
 Ad Asolo, il rifugio Elonora Duse
di Alessio Crisantemi
 alessio crisantemi 
 
CASE AD ARTE
pubblicato

"Non lontano dall’adorata Venezia, tra il Grappa e il Montello e in compagnia di vecchi amici”. È qui che si trova il borgo di Asolo, in provincia di Treviso, dove ha vissuto gli ultimi anni della sua vita Eleonora Duse. Un ambiente incantevole, che lei stessa presentava con queste parole, descrivendo la bellezza del posto ("bello e tranquillo, paesetto di merletti e poesia”, scriveva all’amico Marco Praga) e della sua dimora, oggi divenuta museo e patrimonio della cittadinanza. Nel cuore del piccolo centro veneto, lungo via Canova e in corrispondenza della Porta di Santa Caterina, in un palazzo signorile del ‘500, già residenza di Francesco Nursio Timideo da Verona, segretario personale della regina Cornaro, lungo la cinta muraria medievale. 
La casa venne preso in affitto e poi restaurata dalla Duse con l’intenzione di ritirarvisi in tarda età, come fece nell’ottobre del 1920, al termine dei lavori affidati all'ingegnere Sebastiano Cantoni, che le consigliò di affittare una casa di proprietà della famiglia Miller--Morrison di Edimburgo, detta "Casa dell'arco" perché parte dell'edificio inglobava l'antica porta medievale di S. Caterina. La Duse ne rimase entusiasta, per via della posizione che offriva uno scorcio notevole dell'immensa pianura e del suggestivo massiccio del monte Grappa. Che amava scrutare dal vano della finestra mettendo "due vasi di fiori sul davanzale. Ed ecco un altare”. In memoria dei tanti giovani soldati caduti durante la Grande Guerra, diceva lei stessa, rimasta colpita dalla storia di una famiglia con cui dovette contendersi, inizialmente, quella dimora, salvo poi vederli rinunciare. Dopo il ritorno sulle scene nel 1921, che la portarono a viaggiare nel mondo, la Divina riuscì a tornare ad Asolo un'ultima volta solo nell'agosto del 1922, trattenendosi meno di un mese. Quando era lontana, tuttavia, nelle sue missive agli amici asolani raccomandava sempre che fosse lasciata accesa la lampada con i vetri blu posta all'interno del capitello dedicato alla Madonna Immacolata, alla destra dell'arco, a cui teneva particolarmente, quasi fosse un nume tutelare della casa. 
Oggi Casa Duse è visitabile dall’esterno, presentandosi nel suo edificio dal peculiare colore bianco e rosso, caratterizzato da interessanti motivi architettonici e da una targa in marmo apposta sulla sua facciata che ricorda la celebre inquilina, esaltata dai versi del poeta Gabriele D’Annunzio, grande amore dell’attrice. Dalla casa è possibile poi raggiungere il cimitero di Asolo, dove l’attrice è sepolta dalla sua morte che avvenne nel 1924. La tomba dell’attrice si trova in un luogo appartato e protetto dall’ombra dei cipressi, rivolto verso il Massiccio del Grappa, proprio come da lei desiderato. 

Alessio Crisantemi

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di alessio crisantemi
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram