I musei salveranno l’Europa? Report dalla conferenza dei direttori al Centre Pompidou 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/05/2019
I capolavori degli Uffizi, raccontati dalle voci degli attori
23/05/2019
Banksy è stato allontanato dai vigili mentre "esponeva" senza autorizzazione a Venezia
23/05/2019
Il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci sul tuo smartphone, grazie all’app
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

I musei salveranno l’Europa? Report dalla conferenza dei direttori al Centre Pompidou

   
   
 
I musei salveranno l’Europa? Report dalla conferenza dei direttori al Centre Pompidou
pubblicato

Si sono dati appuntamento al Centre Pompidou i principali musei di arte moderna e contemporanea per discutere il tema "L’Europe des Musées. Pour une contribution des musées d'art moderne et contemporain au devenir de l'Europe”. Direttori, artisti e ricercatori hanno analizzato come i musei siano coinvolti e che parte possano giocare nel futuro dell’Europa. 
Populismo, nazionalismo, sovranismo, tensioni autoritarie e sfiducia nelle istituzioni sono gli ingredienti con i quali l’Europa si affaccia alle elezioni di quest’anno, con la Brexit all’orizzonte: le tensioni che attraversano il continente sembrano rimettere in discussione l'idea stessa di un destino comune ai cittadini europei. Questo dibattito non può essere estraneo ai musei di arte moderna e contemporanea, che hanno la duplice missione di trasmettere un patrimonio culturale attraverso le loro collezioni e di accogliere artisti che esplorano le tematiche del nostro tempo. I musei possono contribuire a esprimere una sensibilità europea, radicata nella storia e adattata alle sfide di oggi. 
Hanno aperto i lavori Serge Lasvignes, presidente del Centro Pompidou e Bernard Blistène, direttore del Museo nazionale d’arte moderna del Centro Pompidou. Wolfgang Tillmans artista visivo e fotografo, ha parlato delle sue iniziative per opporsi alla Brexit e in difesa dell’Unione europea. La nostra Carolyn Christov-Bakargiev (Castello di Rivoli - Museo di arte contemporanea, Torino, Italia), Alistair Hudson (Manchester Gallery, Manchester) e Bernd Scherer (House of World Culture, Berlino) hanno analizzato le ragioni per cui la crisi che attraversa l'Unione europea influenzi la vita delle loro istituzioni e hanno discusso su come i luoghi dell'arte contemporanea e moderna possano lavorare insieme per liberarsi dei vincoli che ne limitano le attività. 
Lo spazio europeo è pieno di giochi di alleanze, rivalità o confronto. Marina Fokidis (Kunsthalle di Atene), Charles Esche (Van Abbemuseum, Eindhoven), Suzanne Cotter (Museum of Modern Art Grand-Duc Jean, Lussemburgo) e Małgorzata Ludwisiak (Centro per l'arte contemporanea del castello di Ujasdowski, Varsavia) hanno cercato di rispondere alla domanda su come questa pluralità di prospettive trovi eco nella vita dei musei. 
A conclusione della giornata, Manuel Borja-Villel (Museo Reina Sofia, Madrid) e Bernard Blistène (Museo Nazionale d'Arte Moderna, Centre Pompidou) hanno analizzato quali siano le azioni necessarie per concretizzare il coinvolgimento dei musei nel dibattito europeo e hanno ipotizzato collaborazioni future all'interno della rete delle istituzioni europee, tra cui "L'Europa dei musei" è il primo passo. (Asia Ruffo di Calabria)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram