Il racconto dei migranti attraverso la fotografia 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Il racconto dei migranti attraverso la fotografia

   
  nicoletta graziano 
 
Il racconto dei migranti attraverso la fotografia -
pubblicato

Il 19 aprile, al Centro Internazionale di Fotografia di Palermo diretto da Letizia Battaglia, è stata inaugurata "Boys don’t cry”, mostra a cura di Ludovica Anzaldi, risultato di un progetto che ha coinvolto un gruppo di migranti ospiti del Centro d’accoglienza Asante in un workshop di educazione all’immagine e filmmaking condotto dalla stessa Anzaldi durante la scorsa estate. Per un mese ai ragazzi  sono stati forniti gli strumenti creativi per imparare a esprimersi utilizzando il mezzo fotografico per poi elaborare un racconto: l’obiettivo è stato quello di stimolare i giovani autori, che hanno potuto lavorare in piena libertà, superando le barriere linguistiche e culturali: 
"I ragazzi di Asante, di età compresa tra i 17 e il 23 anni, hanno tutti provenienze diverse e abitano nel Centro d’accoglienza in attesa di quei documenti che potrebbero dargli una nuova possibilità di vita. I tempi posso anche essere lunghissimi. Da qui è nata l’idea di fare un piccolo workshop così che possano integrarsi attraverso l’apprendimento, la creazione, l’espressione di sé e la conoscenza del nostro paese” ha spiegato Ansaldi. La narrazione è andata avanti unendo insieme diversi momenti che Hamissa Dembélé, Mory Sangare, Fofana Abdoulaye, Buba Drammeh e Kaita Aboubacar hanno immortalato con un Hasselblad 500, realizzando una serie di scatti nati utilizzando le tecniche principali del ritratto classico. Le fotografie in mostra ritraggono gli stessi ragazzi e i loro pochissimi oggetti, insieme a frutta e verdura acquistate nel vicino mercato di Ballarò, mentre altre immagini, scattate in bianco e nero durante diverse visite a Manifesta, offrono uno sguardo sulla città di Palermo, dai palazzi del centro storico all’Orto Botanico.


BOYS DON’T CRY
a cura di Ludovica Anzaldi
fotografie di Hamissa Dembélé, Mory Sangare, Fofana Abdoulaye, Buba Drammeh e Kaita Aboubacar
disegni di Hamissa Dembélé
Centro Internazionale di Fotografia
Cantieri Culturali alla Zisa
Via Paolo Gili, 4 Palermo
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di nicoletta graziano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram