Fino al 20.VII.2019 - Cecily Brown, We Didn’t mean to Go to Sea - Thomas Dane Gallery, Napoli 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 20.VII.2019
Cecily Brown, We Didn’t mean to Go to Sea
Thomas Dane Gallery, Napoli

   
  Emanuele Castellano 
 
Fino al 20.VII.2019 - Cecily Brown, We Didn’t mean to Go to Sea - Thomas Dane Gallery, Napoli -
pubblicato

La forza pittorica di una tempesta, dove acqua e vento vengono sostituiti dall‘immagine di grosse e sinuose pennellate, per Cecily Brown (Londra, 1969) che per la sua personale alla Thomas Dane Gallery prende ispirazione dal romanzo per ragazzi dello scrittore e giornalista inglese Arthur Michell Ransome We didn’t mean to go to sea, titolo poi condiviso con l’esposizione. Il fil rouge che collega le due opere sta in quel senso di confusione e smarrimento che accomuna la pittrice ai giovani protagonisti del racconto, quando la loro imbarcazione, la Goblin, rimane priva di carburante, completamente alla deriva in mezzo alla nebbia nell’estuario tra i fiumi Orwell e Stour, situati nel sud del Regno Unito. Sarà solo il coraggio, la tenacia e lo spirito di sopravvivenza a far sì che i ragazzi superino le diverse avversità raccontate dall’autore nel romanzo. 
Questa idea di tensione e turbamento viene affrontata da Brown nella sua prima personale napoletana. 

null
Cecily Brown, We Didn’t mean to Go to Sea

Le tematiche del naufragio e del mare sono partecipi in ogni pennellata proposta dall’artista, chiare le citazioni lanciate nei disegni esposti nella grande vetrina che evocano celeberrimi dipinti del Romanticismo francese come la Zattera della Medusa, di Thèodore Gèricault, e il Massacro di Scio, di Eugène Delacroix.
Ma sono i dipinti di grande dimensione a dare risalto a tutto l’estro pittorico dell’artista, un piacevole momento di ritorno alla natura oggettuale dell’opera, che nasce sotto l‘influenza dell’espressionismo astratto di artisti come Jackson Pollock, Wileem De Koonig o Emilio Vedova.
A differenza di questi ultimi, però, nella pittura di Brown l’elemento figurativo sembra esistere ma tende ad affogare, a combattere per poi plasmarsi con l‘immenso uragano di colori scatenato dall’artista. 
Proprio i colori poi si stringono tra loro senza mescolarsi mai veramente, non cercano la profondità e nemmeno una terza dimensione ma al contrario vanno verso un movimento capace di donare un’esistenza vitale autonoma al dipinto, che si stacca dall'intenzione primaria della pittrice, quasi certamente quella di "creare bellezza” confluendo in un atto forse involontario come quello di "creare vita”. 

Emanuele Castellano
Mostra vistata il 16 marzo 

Dal 16 marzo al 20 luglio 2019
Cecily Brown, We Didn’t mean to Go to Sea
Thomas Dane Gallery
Via Francesco Crispi, 69 – Napoli, 80122 
Orari: dal martedì al venerdì, dalle 11 alle 19, il sabato dalle 12 alle 19, il lunedì su appuntamento
Info: naples@thomasdanegallery.com
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Emanuele Castellano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram