Fino all’11.V.2019 - Sabino de Nichilo - L29 artstudio, Roma 3070 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino all’11.V.2019
Sabino de Nichilo
L29 artstudio, Roma

   
  mariangela capozzi 
 
Fino all’11.V.2019 - Sabino de Nichilo - L29 artstudio, Roma
pubblicato

Camminando tra le opere, le forme, i riflessi dei colori smaltati, si ha la percezione di essere in prossimità di un resto. Un resto di che cosa? Una domanda che non smette di risuonare e che rischia di restare senza risposta, segno in effetti che la proposta artistica di Sabino de Nichilo (Molfetta 1972, vive e lavora a Roma) si rivela di un certo interesse. Organi da asporto è la prima personale romana dell’artista pugliese, fortemente voluta dalle artiste Francesca Romana Pinzari, Flavia Bigi e Gaia Scaramella per il loro L29 artstudio, uno studio d’artista aperto a collaborazioni e contaminazioni. Allievo di Riccardo Monachesi, Sabino de Nichilo si muove con disinvoltura all’interno del panorama scultoreo contemporaneo mostrando una sorprendente padronanza dei propri mezzi ed una convincente istintualità espressiva. La ceramica è il materiale d’elezione, docile e aristocratico: necessita di tempi lunghi e continue cure ma si presta ad indossare i colori più ammalianti. 

null
Sabino de Nichilo, Organo da asporto 2019 ph Sebastiano Luciano

Magnetiche e conturbanti, le sculture di de Nichilo sembrano sul punto di muoversi, pulsare, esplodere come organi dormienti o meglio corpi senza organi, che si lasciano esibire solo per il capriccio di assecondare un incolpevole creatore. Colte in un istante tra erezione e detumescenza, assumono la posa di avanzi di teatro, portando le tracce talvolta del sangue o dei materiali preziosi di cui erano rivestiti. Trofei che non hanno più nulla da rivendicare, resti appunto. Ma resti di cosa? L’intera operazione assume i toni di una rinuncia, qualcosa è stato lasciato andare senza restare aggrappati a residui ossessivi o a nostalgie decorative. E questo risulta impressionante, vista la velocità con cui il lavoro di de Nichilo è giunto a maturazione. Lasciato alle spalle ogni apparato simbolico, si poggiano i piedi su qualcosa di disgustosamente reale, che accoglie il visitatore come quella percossa da cui si capisce di essere amati. E allora non resisti e smetti di domandare, lasciandoti toccare da quel resto, che non ti chiede niente e a cui non puoi chiedere niente, e senti che in qualche modo quel qualcosa è la vita.  


Mariangela Capozzi
mostra visitata l’11 aprile 

Dall’11 aprile all’11 maggio 2019
ORGANI DA ASPORTO
L29 artstudio
Via Labicana, 29 – 00184 Roma
Orario: su appuntamento
Info: tel +39 328/4615638 o +39 333/6658642
www.facebook.com/L29artstudio/

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di mariangela capozzi
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram