Salone del Libro. WuMing e Zerocalcare non ci saranno, per protesta contro Altaforte 3066 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
21/05/2019
Mibac: c'è il via agli elenchi dei professionisti dei beni culturali
21/05/2019
Stanco e malinconico. Il secondo ritratto di Leonardo da Vinci in mostra a Buckingham Palace
21/05/2019
Con i tutorial della British Library puoi realizzare il tuo manoscritto medievale
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Salone del Libro. WuMing e Zerocalcare non ci saranno, per protesta contro Altaforte

   
   
 
Salone del Libro. WuMing e Zerocalcare non ci saranno, per protesta contro Altaforte
pubblicato

Sta mietendo vittime illustri la controversa scelta del Salone di Libro di Torino di ospitare lo stand di Altaforte Edizioni, casa editrice che ha pubblicato Io sono Matteo Salvini: intervista allo specchio, a cura di Chiara Giannini. Il collettivo Wu Ming, lo storico Carlo Ginzburg e il fumettista Zerocalcare hanno annullato la loro partecipazione, seguendo così le dimissioni dello scrittore e giornalista Christian Raimo, collaboratore del direttore del festival, Nicola Lagioia. Per qualcuno che ripete cose davanti allo specchio, altri che avrebbero potuto parlare di argomenti ben più interessanti se ne vanno. Peccato.
Chi non molla è invece Michela Murgia, che insieme ad altri scrittori come Chiara Valerio, Helena Janeczek e Teresa Ciabatti, sta preparando una lettera aperta: «L’assenza, in casi come questo, non ci sembra la risposta culturalmente più efficace. Per questo motivo non lasceremo ai fascisti lo spazio fisico e simbolico del più importante appuntamento editoriale d'Italia». 
Altaforte – che prima di questa storia era praticamente sconosciuta ai più – si dichiara «un marchio editoriale di riferimento pensato per rispondere a chi chiede chiavi di lettura alternative rispetto alle interpretazioni omologate». Vicina al movimento neofascista CasaPound, la casa editrice può vantare firme del calibro di Augusto Sinagra, candidato di CasaPound alle elezioni politiche del 2018 ed ex avvocato di Licio Gelli e di Jorge Antonio Olivera, pluriomicida, torturatore e fedelissimo del dittatore Jorge Rafael Videla. Insomma, proprio quella che si potrebbe definire una allegra «comunità ideale di esploratori del sapere», come si legge sempre sul sito di Altaforte.

In alto: WuMing
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram