Le mani giganti di Lorenzo Quinn tornano a Venezia 3055 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/05/2019
Party like an Architect. Gli studi di architettura di Napoli si presentano, con Camparisoda
20/05/2019
Spolverare la memoria. Le scuole di Roma ricordano le vittime del nazismo
20/05/2019
Manifesto per una Bauhaus viva più che mai. La mostra targata RUFA al Pastificio Cerere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Le mani giganti di Lorenzo Quinn tornano a Venezia

   
   
 
Le mani giganti di Lorenzo Quinn tornano a Venezia
pubblicato

Lorenzo Quinn torna a Venezia con una nuova, discutibile, installazione. Se in occasione dell’ultima Biennale avevamo visto le mani che "sostenevano” un palazzo a Ca’ d’Oro, sul Canal Grande, quest’anno Quinn ci riprova e si sposta all’Arsenale, con un enorme ponte formato da coppie di mani che si stringono, alte 15 metri e lunghe 20. "Building Bridge - Costruire ponti” celebra i valori universali dell’uomo, partendo proprio da Venezia, città di "ponti" – reali e metaforici – e Patrimonio Universale dell’Umanità: "Venezia è una città patrimonio mondiale ed è la città dei ponti. È il luogo ideale per diffondere un messaggio di unità mondiale e pace in modo che molti di noi in tutto il mondo costruiscano ponti con gli altri piuttosto che muri e barriere” ha spiegato l’artista. (NG)


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

1 commento trovato 

12/05/2019
Marco Coraggio , Salerno/Italia
http://coraggio.it
A mio parere, l'opera di Lorenzo Quinn avrebbe assunto maggiore incisività se le braccia di uno dei due lati del canale fossero state di colore "nero africa", metaforicamente contrapposte a quelle "bianco lega" della sponda opposta.

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram