58 Biennale/16. Cosa vediamo oggi? Un grande maestro coreano e le vele al vento di Red Reg... 3062 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
21/05/2019
Mibac: c'è il via agli elenchi dei professionisti dei beni culturali
21/05/2019
Stanco e malinconico. Il secondo ritratto di Leonardo da Vinci in mostra a Buckingham Palace
21/05/2019
Con i tutorial della British Library puoi realizzare il tuo manoscritto medievale
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

58 Biennale/16. Cosa vediamo oggi? Un grande maestro coreano e le vele al vento di Red Regatta

   
   
 
58 Biennale/16. Cosa vediamo oggi? Un grande maestro coreano e le vele al vento di Red Regatta
pubblicato

Sabato, 11 maggio. Basta giusto quel po’ di sole e già si iniziano a vedere braccia scoperte e sandaletti. Ma non vi fate suggestionare dai 18 gradi, secondo i nostri ineffabili meteorologi oggi sarà giornata di pioggia, dal primo pomeriggio fino a tarda serata. Comunque gli amanti dell’arte contemporanea sono abituati a ben altre e avverse condizioni e sicuramente non si faranno scoraggiare da due o più gocce. Ecco cosa vi consigliamo per oggi. 
A Palazzo Fortuny, apre oggi la prima ampia retrospettiva europea dedicata a Yun Hyong-keun, tra i più importanti artisti coreani del secondo dopoguerra, a cura di Kim Inhye, profonda conoscitrice dell’opera del maestro. Scomparso a Seoul nel 2007, la sua biografia si è intrecciata con la storia contemporanea del suo Paese, influenzandone anche la ricerca, incentrata sulla sintesi di pochi elementi. Pigmenti scuri, accuratamente preparati e distesi su grandi campiture, porosità e superficie, ‹‹La tesi della mia pittura è la porta del cielo e della terra. Blu è il colore del cielo, bruno è il colore della terra. Perciò li chiamo ‘cielo e terra’; il portale dà struttura alla composizione››, scriveva nel suo diario, nel gennaio 1977. 
A proposito di colori, da vedere e da seguire – nel senso transitorio del termine – Red Regatta, quattro performance sull’acqua presentate da Mellissa McGill, a cura di Chiara Spangaro, in collaborazione con Magazzino Italian Art Foundation e l’Associazione Vela al Terzo Venezia e con la partecipazione di oltre 250 partner locali. 52 saranno le imbarcazioni tradizionali armate con vele "al terzo”, che navigando all’unisono nei canali veneziani creeranno una coreografia in movimento. Ogni barca sarà equipaggiata con vele realizzate su misura e dipinte a mano in 52 diverse tonalità di rosso, sviluppate appositamente dall’artista. Partenza dai Bacini delle Fondamente Nove alle 14.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram