Una commovente lettera di Van Gogh, in esposizione per la prima volta ad Amsterdam 3105 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Una commovente lettera di Van Gogh, in esposizione per la prima volta ad Amsterdam

   
   
 
Una commovente lettera di Van Gogh, in esposizione per la prima volta ad Amsterdam
pubblicato

Arriva al Van Gogh Museum di Amsterdam, la lettera inviata da Vincent Van Gogh al celebre critico d’arte George-Albert Aurier – noto soprattutto per il suo contributo dato al dibattito circa la nascita del Simbolismo – scritta il 9 o il 10 febbraio 1890, pochi mesi prima della sua morte, avvenuta all'età di 37 anni, nel corso della permanenza nel manicomio alla periferia di Saint-Rémy-de-Provence. 
«Riscopriamo le mie tele nel tuo articolo, anche se meglio di quanto siano realmente. Grazie alla tua scrittura le mie tele appaiono più ricche e più significative», scriveva Van Gogh nella lettera, ancora mai esposta, nella quale si trovano anche molti riferimenti a coloro che avevano ispirato l'artista e disseminato luce nel suo animo devastato dai dispiaceri. 
Dopo essersela assicurata in un’asta il mese scorso, ricevendo dal magnate Cheung Chung-Kiu e da sua moglie una donazione per coprire l'intero prezzo di 107.900 euro, il Museo olandese è finalmente riuscito a mostrare la lettera al grande pubblico. La lettera era stata acquistata nel 2007 dalla società Aristophil, il più grande acquirente al mondo di manoscritti storici. Ma è stato solo dopo l’arresto per frode del fondatore della società, Gérard Lhéritier, noto come "l'uomo che trasforma la carta in oro", che l’ambito scritto di Van Gogh è emerso ufficialmente sul mercato, a Parigi. Un colpo di fortuna per il Museo di Amsterdam. 
«La cosa grandiosa è che, per quanto ne sappiamo, non è mai stata mostrata al grande pubblico. Il contenuto della lettera è prezioso e commovente», ha detto il curatore della sezione di stampe e disegni del museo, Fleur Roos Rosa de Carvalho
Insomma, Vincent Van Gogh non smette di entusiasmare e, nonostante la sua pennellata violenta e aggressiva, riesce a trasmettere delicatezza ed eleganza, anche su lettera. (Carlotta Casolaro)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram