Il Mudam di Lussemburgo fa En Plein 3089 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Il Mudam di Lussemburgo fa En Plein

   
   
 
Il Mudam di Lussemburgo fa En Plein
pubblicato

Mudam Luxembourg-Musée d’Art Moderne Grand-Duc Jean è una galleria nazionale situata nel cuore della città di Lussemburgo, uno spazio enorme, copiosamente illuminato dal sole che entra dalle grandissime finestre del tetto. Questa innovativa e accogliente istituzione attualmente propone tre mostre temporanee molto interessanti: LaToya Ruby Frazier, fino al 22 settembre, curata da Christophe Gallois, in collaborazione con Marion Vergin; "Bert Theis. Building Philosophy - Cultivating Utopia", fino al 25 agosto, progettata da Enrico Lunghi, in collaborazione con Christophe Gallois e con Marion Vergin; e "Nairy Baghramian. Priviledged Points", fino al 22 settembre, curata da Suzanne Cotter, assistita da Vincent Crapon.
Bert Theis, scomparso nel 2016, è stato un artista che ha vissuto diversi anni in Italia, molto coinvolto nel dibattito artistico, culturale e sociale, soprattutto in merito al progetto di Isola Art Center a Milano. La sue riflessioni visuali occupano lo spazio di un intero piano della galleria, riflettendo sui movimenti sociali e sull’energia vitale che si ritrova nel popolo quando combatte per il domani.
LaToya Ruby Frazier si presenta con una mostra monografica. È conosciuta primariamente per la serie fotografica eseguita tra il 2001 e il 2014 su tre generazioni di donne, sua nonna, sua madre e se stessa. The Notion of Family riflette il declino della sua città natale, Braddock, l'ex capitale siderurgica dei sobborghi di Pittsburgh, in Pennsylvania. Dalle esperienze individuali, l'artista tira fuori una storia collettiva e questioni di portata universale, "Braddock è ovunque", dice. Intorno a The Notion Of Family, due serie recenti di lavori che portano l'attenzione alle classi lavoratrici e al legame tra vita personale e questioni sociali e politiche. Making of Steel Genesis: Sandra Gould Ford (2017), è il risultato di una stretta collaborazione con Sandra Gould Ford, fotografa e scrittrice, impiegata nel settore siderurgico a Pittsburgh, per documentare la vita nelle fabbriche e la loro chiusura. Et des terrils un arbre s’élèvera (2016-2017), deriva da un ambizioso progetto nel Borinage, vicino a Mons, in Belgio, con ex minatori e le loro famiglie.
Gli oggetti giganteschi per i quali è ampiamente conosciuta l'artista iraniana Nairy Baghramian, sono installati sia nel museo che nel parco Dräi Eechelen. Le sculture di Beliebte Stellen / Privileged Points stabiliscono un legame tra lo spazio interno e quello esterno. I loro colori ispirati all’ambiente permettono alle sculture di mimetizzarsi e sono linea con i grandi volumi del museo, inondati di luce. Visuale, fisico e tattile, sono i tre punti che traducono la ricerca formale e concettuale di Nairy Baghramian, per la quale la scultura non può che essere dinamica.
E non è finita qui, perché ci sono anche altre due fantastiche mostre. "Figures Sensibiles", a cura di Lisa Baldelli e Marie-Noëlle Farcy, con artisti internazionali del calibro di Bernd & Hilla Becher, Valérie Belin, Sophie Calle, Roland Fischer, Nan Goldin, Shirin Neshat, Martin Parr, Pasha Rafiy, Mitra Tabrizian, Wolfgang Tillmans e Kyoichi Tsuzuki. E una strabiliante mostra di Danh Vō, artista nato nel 1975 in Vietnam e cresciuto in Danimarca. L'artista oggi vive e lavora a Città del Messico. Per la suo esposizione svolta a Lussemburgo il museo collabora con la Collezione Pinault. (Dobroslawa Nowak)

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram