Fino al 2.VI.2019 - L’artista bambino. Infanzia e primitivismi nell’arte italiana del prim... 3093 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 2.VI.2019
L’artista bambino. Infanzia e primitivismi nell’arte italiana del primo ‘900
Fondazione Ragghianti, Lucca

   
  Flavia Matitti 
 
Fino al 2.VI.2019 - L’artista bambino. Infanzia e primitivismi nell’arte italiana del primo ‘900 - Fondazione Ragghianti, Lucca
pubblicato

Gauguin affermava che, a forza di andare a ritroso nel tempo, si era imbattuto nel giocattolo della sua infanzia, il buon cavallo di legno, mentre Picasso lamentava di aver impiegato una vita intera per tornare a disegnare come un bambino. E gli artisti italiani che rapporto hanno avuto con l’arte e il mondo infantile? Il tema è al centro di una mostra raffinata e rigorosa, come oggi è raro vederne, dal titolo L’artista bambino. Infanzia e primitivismi nell’arte italiana del primo ‘900, curata da Nadia Marchioni per la Fondazione Ragghianti negli spazi del Complesso monumentale di San Micheletto a Lucca (fino al 2 giugno 2019). Il progetto prende spunto da un saggio di Carlo Ludovico Ragghianti apparso sulla rivista «Critica d’arte» nel 1969 nel quale lo studioso lucchese attirava l’attenzione su alcuni artisti che nei primi decenni del Novecento si sono interessati al disegno infantile, all’arte medievale e popolare. La mostra, a cinquant’anni di distanza, riprende e approfondisce la questione. Il percorso espositivo, dopo un focus sull’universo infantile ritratto con partecipazione da Adriano Cecioni, si apre richiamando il volumetto pionieristico di Corrado Ricci su L’arte dei bambini, pubblicato a Bologna nel 1887. Il fascino esercitato da Ricci sugli artisti è immediato, come dimostra l’eccezionale dipinto di Vittorio Matteo Corcos che nel 1889  ritrae il critico teatrale Yorick, mentre cammina per strada lungo un muro ricoperto di graffiti infantili. 

null
L’artista bambino. Infanzia e primitivismi nell’arte italiana del primo ‘900, vista della mostra

Un altro documento straordinario di questo precoce interesse è un bozzetto realizzato da Giacomo Balla per il quadro Fallimento (1902 circa), esposto insieme a un piccolo disegno preparatorio, a rivelare l’impegno profuso dall’artista nel ricreare i segni infantili tracciati col gesso sulla porta del negozio chiuso. Segue quindi un’ampia sezione dedicata a un pittore poco noto, Alberto Magri, che con gli amici "apuani” Lorenzo Viani e Adolfo Balduini, è stato un precursore nell’adottare stilemi infantili (e medievali), anche sotto la suggestione della poetica del "fanciullino” di Pascoli, altro riferimento essenziale per la cultura italiana.  Un’altra ricca sezione illustra l’influenza esercitata da Soffici e Carrà nel diffondere in Italia il gusto per un’arte infantile e popolare, seguendo anche l’esempio del Doganiere Rousseau. 
Interessanti poi i richiami all’illustrazione per l’infanzia e soprattutto ai disegni eseguiti da Carrà, Soffici, de Chirico e Sironi durante la Grande Guerra per i giornali di trincea, dominati da una cifra infantile. Con altre importanti presenze, quali Morandi, Tullio Garbari, Gigiotti Zanini, Cambellotti, Francalancia, Rosai, Birolli, Breveglieri, l’esposizione giunge alla fine degli anni Trenta, per concludersi col malinconico Carnevale dei poveri (1941) di Gianfilippo Usellini. Certo, in un panorama così articolato, sarebbe stato interessante includere dialetticamente anche Savinio, con la sua visione della  tragedia dell’infanzia. Accompagna la mostra un bel catalogo (edizioni Fondazione Ragghianti) con testi critici della curatrice, di Paolo Bolpagni, direttore della Fondazione Ragghianti, di Silvio Balloni, Annamaria Ducci, Lucia Gasparini e Umberto Sereni.

Flavia Matitti
Mostra visitata il 16 marzo

Dal 17 marzo al 2 giugno 2019   
L’artista bambino. Infanzia e primitivismi nell’arte italiana del primo ‘900
Fondazione Ragghianti
Complesso di San Micheletto, Via S. Micheletto 3, Lucca
Info: http://www.fondazioneragghianti.it
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Flavia Matitti
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram