Ricordare il presente. A Villa delle Rose, la mostra site specific di Catherine Biocca 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Ricordare il presente. A Villa delle Rose, la mostra site specific di Catherine Biocca

   
   
 
Ricordare il presente. A Villa delle Rose, la mostra site specific di Catherine Biocca
pubblicato

Catherine Biocca colpisce per il versatile utilizzo di differenti mezzi espressivi, dall’installazione ai media audio-visivi, fino alla tecnica mista. La mostra "You’re Hired”, in corso fino al 26 maggio 2109 a Villa delle Rose, è nata in seguito alla sua residenza a Bologna. L'artista romana, con solida formazione europea, realizzatasi tra Germania e Olanda, è stata infatti selezionata nell'ambito del Programma di Resideza ROSE, scelta da una commissione composta da esperti del settore, come Lorenzo Balbi, direttore del MAMbo, e Giulia Pezzoli, curatrice del progetto. Le opere, incastonate nel contesto settecentesco della villa, sono frutto della riflessione e del rapporto creatosi con la città felsinea ed esprimono il desiderio di interazione con il mondo esterno e con l’altro. 
Il pensiero di Biocca si fa opera e viene espresso attraverso idee e personaggi di fumetti e cartoni animati legati al mondo della sua infanzia. Ne è prova Broken Sky, opera in cui viene rappresentato un foro sulla parete della villa, da cui spicca l’azzurro del cielo. Natura oltre l’infrastruttura, comunicazione oltre i limiti architettonici. Ciò è testimoniato anche da Exclusive Cocktail, proiezione in cui un dinosauro gigantesco passeggia lungo il viale di villa delle Rose. Passato e presente si mescolano nella mente dell’artista e lo spettatore si trova immerso in un ambiente oscuro ma, contemporaneamente, nei vividi colori del verde del viale che, contrapponendosi al colore bruno dell’animale, enfatizzano maggiormente la differenza tra reale e fantasia, fenomenologico e surreale. 
Pregnante, densa di significato e mediatrice di riflessione per lo spettatore è you’re hired, l’installazione che dà il titolo alla mostra ed è posta in una stanza a essa dedicata. Due busti di manichini si trovano a terra, ognuno coperto da un copricapo anti-insetto. Animati da voci registrate di un uomo e una donna, alternano dialoghi professionali e colloqui intimi. Il perimetro dell’installazione è delimitato da una grande zanzariera che accentua maggiormente il senso di angoscia e di interrogativo. La ricerca artistica di Biocca, infatti, si concentra sull’analisi del sociale, sulle situazioni a esso legate, sui rapporti interpersonali, da cui emerge competizione, aggressività, i contrari di collaborazione e serenità.
Ancora frutto di interazione con la Villa, sono Ruins I-V e Busti Rosa I-III. Queste opere invitano a prestare attenzione alle rovine e ai resti antichi ivi presenti. L’artista, attraverso i pensieri e le associazioni della sua mente, rappresenta tali reperti affiancati a elementi fantastici, ricreando così nuove ambientazioni e nuove immagini esplicative della propria percezione. Il reale attiva sfere della memoria che, sovrapponendosi agli input visivi, creano nuovi scenari, opere sospese tra il tempo del presente e quello del ricordo.
Ulteriormente esplicative di tale tematica, le riproduzioni fotografiche dei tre busti del ciclo Benemeriti della Patria. A ricordo degli anni della Seconda Guerra Mondiale, in cui la villa fu adibita a ospedale, le opere della serie Steli I-III, lastre di marmo dipinte a ricordo di steli funerarie etrusche, rappresentative dell’onnipresente interazione tra passato, percezione visiva e rielaborazione mentale attraverso il vissuto dell’artista. (Bruna Giordano)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram