Addio a Vittorio Zucconi, storica firma del giornalismo italiano 3089 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Addio a Vittorio Zucconi, storica firma del giornalismo italiano

   
   
 
Addio a Vittorio Zucconi, storica firma del giornalismo italiano
pubblicato

È scomparso a Washington, a 74 anni, Vittorio Zucconi, seguitissimo scrittore e influente giornalista per alcuni dei maggiori quotidiani italiani, dal Corriere della Sera a La Repubblica. Attivista contro la pena di morte, voce a favore dei diritti dell’immigrazione, Zucconi era malato da tempo e si era trasferito definitivamente negli Stati Uniti dal 1985, acquisendo la cittadinanza statunitense. 
Zucconi nacque a Bastiglia, in provincia di Modena, figlio del giornalista e direttore della Domenica del Corriere Guglielmo Zucconi. Zucconi collaborò al giornalino del liceo Parini di Milano, dove si era trasferito con la famiglia, fino a diventarne direttore. Al Parini, convinse a collaborare per il giornale Walter Tobagi, futuro giornalista del Corriere della sera, poi assassinato dal gruppo Brigata XXVIII marzo. Si laureò in Lettere moderne all'Università degli Studi di Milano e iniziò la professione giornalistica nei primi anni sessanta come cronista di nera al quotidiano La Notte di Milano.
Assunto nel 1969 come redattore a La Stampa, diventa corrispondente da Bruxelles e poi da Washington, sempre per La Stampa, quindi da Parigi per la Repubblica, da Mosca per il Corriere della Sera durante il periodo della Guerra Fredda e dal Giappone, ancora per La Stampa, dopo essere tornato a Roma nel 1977 per seguire gli anni di piombo e l'omicidio Moro. Rivelò il caso Lockheed, lo scandalo degli aerei C130 venduti all'Italia grazie alle tangenti versate a generali e ministri, per il quale l'allora presidente della Repubblica Giovanni Leone fu costretto a dimettersi.
Zucconi è stato direttore dell'edizione web di Repubblica dalla creazione fino al 2015 ed è stato direttore dell'emittente Radio Capital fino al 2018. Curava inoltre una rubrica sul settimanale D - la Repubblica delle Donne e la rubrica Parola di Nonno, sulla rivista bimestrale Kids. Una sua antologia per ragazzi, Stranieri come noi (1993), pubblicato da Einaudi Scuola, è stata adottata come testo di lettura per le Scuole Medie.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram