Finissage - Mario Scudeletti, Il Terzo Paesaggio Animato - Galleria Arrivada, Milano 3107 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Finissage
Mario Scudeletti, Il Terzo Paesaggio Animato
Galleria Arrivada, Milano

   
  Silvia Conta 
 
Finissage - Mario Scudeletti, Il Terzo Paesaggio Animato - Galleria Arrivada, Milano
pubblicato

Con la personale di Mario Scudeletti (1980, Treviglio, BG) "Il Terzo Paesaggio Animato”, a cura di Samuele Menin, la Galleria Arrivada ospita la terza mostra nel suo nuovo spazio nel quartiere di Porta Romana, a Milano. La nuova sede, raccolta e curatissima, rappresenta l’approdo della galleria nel capoluogo lombardo dopo una storia decennale che da Coira, in Svizzera, l’ha portato in Corso Monforte, a Milano, con una serie di mostre, e poi qui, in via Decembrio, raggiungibile in un attimo, a piedi, dalla fermata della metropolitana Lodi TIBB, la stessa della Fondazione Prada.
In questi mesi in galleria la mostra di Scudeletti dà vita a un percorso espositivo capace, nello stesso tempo, di condensare alcuni dei temi principali della ricerca dell’artista e di restare aperto lungo molteplici direttrici: dal rapporto tra individuo e realtà allo scarto tra religione e sacro, dal legame tra i vari linguaggi presenti nella realtà alla sensorialità pura, fino alla Storia, in bilico tra la Storia universale e individuale, che si dipana nei luoghi della quotidianità. 
Samuele Menin ci ha accompagnati alla scoperta della mostra: «L’artista espone, un progetto inedito, che pur componendosi di opere realizzate con materiali di diversa natura (ceramica, fotografia, disegno, performance) e dai risultati visivi differenti, verte sul tema dell’Annunciazione; da qui la decisione di inaugurare il 25 marzo giorno in cui per la religione cattolica ricorre la celebrazione dell’incontro tra l’arcangelo Gabriele e la Vergine Maria. 

null
Mario Scudeletti, Il Terzo Paesaggio Animato

Per Scudeletti questa data diventa un motivo di riflessione sul concetto e sull’idea di "Storia” stessa un punto zero non solo religioso, una rappresentazione del rapporto uomo-storia e uomo-cultura. L’artista per questo cerca di risalire ai mezzi primordiali di trasmissione del sapere come l’oralità: un personaggio dal volto coperto da una maschera fatta da due ali ripete salmodicamente  all’interno di una nicchia: Non ho conosciuto Uomo, la performance Auto_Madonna,  rappresentata nel giorno inaugurale e che rimane ora come traccia nelle sue componenti  principali: ali, fondo oro e giglio. Per l’artista dobbiamo imparare ad ascoltare di più il mondo, noi e gli altri, per questo in Orecchioperocchio, una serie di sei maschere in ceramica, i lineamenti umani perdono i tradizionali accenni agli occhi e alle labbra rimpiazzati, da una profusione di orecchie, in un mondo di immagini, l’artista rappresenta la nostra cecità verso il "reale”. Un mondo in cui viviamo, anche quotidiano, di cui spesso non cogliamo la preziosità e importanza, da qui una serie di fotografie che Mario realizza nel quartiere in cui abita a Torino, inquadrature dal balcone della casa in cui risiede o semplici visioni di scorci per le vie attorno alla sua residenza. Fotografie di edifici, macchine, semafori, bus, passanti (il cui volto stranamente non guarda mai in camera) banali nella loro anonimicità su cui l’artista re-interviene con delle carte in lamina dorata che ritagliate e accartocciate vanno a creare delle forme sopra la fotografia stessa, nascondendole e svelandole contemporaneamente. 
Osservando più accuratamente gli interventi ci si rende conto che i ritagli in oro non sono casuali ma lettere in carattere gotico, ritorna, quindi, la trasmissione di un pensiero che qui si materializza in scrittura ma inintelligibile confuso nel suo eccesso di forme.
Man mano che si entra nella mostra si colgono i riferimenti a cui Scudeletti ha attinto come ispirazione formale per le sue opere come il mondo della miniatura con i suoi ori, le sue preziosità nei disegni, i capilettera carichi di sinuosità, le rappresentazioni fortemente simboliche,  la tradizione dei fondi oro nella pittura italiana dal Medioevo al Rinascimento 
Immagine cariche visivamente un "horror vacui” che accomuna ulteriormente quegli autori con Mario anche nella serie di disegni esposti; Mario infatti da anni realizza i suoi disegni su fogli di carta millimetrata per rifuggere "il vuoto” del bianco. 
Due le serie di disegni esposti, la prima con volti deformi, "grotteschi” le cui bocche che si dilatano spaventosamente in ghigni a "mille denti”, le lingue ingigantite vanno a coprire i lineamenti dei volti o decine di orecchie ci osservano, teste in cui si possono riconoscere i lineamenti dell’artista stesso. Nella seconda serie invece delle stelle filanti carnevalesche partono dalle mandibole di un teschio umano e intrecciandosi sinuosamente formano le parole: "La Storia”». 

Silvia Conta
Mostra visitata il 24 aprile 2019

Dal 25 marzo al 1 giugno 2019
Mario Scudeletti. Il Terzo Paesaggio Animato
Galleria Arrivada
Via Pier Candido Decembrio 26, Milano 
Orari: dal giovedì al sabato, dalle 19 alle 21 e su appuntamento
Info: galleriaarrivada@gmail.com

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Silvia Conta
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram