L’America a colori di Werner Bischof 3075 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/06/2019
L'Adidas ha annunciato una capsule collection omaggio a Keith Haring
21/06/2019
La scuola di Twin Peaks verrà demolita a luglio
21/06/2019
Valentino Catricalà è il direttore della sezione arte di Maker Faire Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

L’America a colori di Werner Bischof

   
   
 
L’America a colori di Werner Bischof
pubblicato

Dal 7 giugno la David Hill Gallery di Londra esporrà per la prima volta al pubblico gli scatti che Werner Bischof (1916-1954), uno dei più importanti fotografi del Novecento, tra i fondatori dell’agenzia Magnum, realizzò negli Stati Uniti. Nato a Zurigo nel 1916, Bischof iniziò a fotografare da ragazzo, frequentando la Scuola di Arti Applicate della sua città.  Dopo il diploma aprì uno studio di fotografia, ma nel 1939 dovette rinunciare  al suo sogno per entrare a far parte dell’esercito. Continuò a fotografare e, nel 1942, pubblicò i suoi primi scatti sul mensile svizzero Du. Una volta finita la guerra Bischof viaggiò in Germania, Francia e Paesi Bassi, dove ebbe modo di vedere le ferite e la devastazione che aveva lasciato dietro di sé la Seconda Guerra Mondiale. Qui iniziò a immortalare l’elemento umano, documentando la "rinascita europea” post conflitto e affermandosi come fotografo documentarista. Nel 1948 seguì per Time i Giochi olimpici invernali di Sankt Moritz mentre i suoi reportage fotografici furono pubblicati l'anno seguente da Life. Nel 1951 l’Agenzia Magnum lo inviò in India per documentare la terribile carestia in Bihar, e poi continuò viaggiando tra Corea, Giappone ed Estremo Oriente. Nel 1953 attraversò l’intero continente americano, dove scattò le fotografie ora esposte per la prima volta a Londra, ma, solo un anno dopo, il 16 maggio 1954, morì in un incidente automobilistico nelle Ande peruviane.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram