Jana Schröder e Edoardo Caimi alla T293, Roma 3042 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/06/2019
L'Adidas ha annunciato una capsule collection omaggio a Keith Haring
21/06/2019
La scuola di Twin Peaks verrà demolita a luglio
21/06/2019
Valentino Catricalà è il direttore della sezione arte di Maker Faire Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Jana Schröder e Edoardo Caimi alla T293, Roma

   
   
 
Jana Schröder e Edoardo Caimi alla T293, Roma
pubblicato

A Roma, negli spazi rinnovati della galleria T293, inaugurano oggi, 7 giugno, le personali di Jana Schröder, "Kadlites RS6-17”, e di Edoardo Caimi, "B.L.I.S.S.”: per l’artista tedesca è un ritorno in galleria con una serie di nuovi dipinti monocromatici, mentre per Caimi, è la prima mostra alla T293.
Alessandra Giacopini, dell’ufficio stampa interno alla galleria, ci racconta le mostre e ci regala qualche anticipazione sui primi progetti espositivi in preparazione per settembre.
Come sono nate le due mostre che inaugurate oggi?
«T293 riapre dopo i lavori di riallestimento dello spazio con una mostra personale di Jana Schröder e una di Edoardo Caimi. Le mostre nascono dalla soluzione recentemente adottata dalla galleria di creare confronti e dialoghi inediti tra artisti, attraverso la presentazione di due individualità che possano riscoprire concetti in comune ed estetiche non lontane fra loro. Jana Schröder è alla sua seconda presentazione in galleria che segue una collaborazione avviata nel 2016. Edoardo Caimi, invece, è alla sua prima presentazione in una galleria d’arte contemporanea, ed esprime la mai tramontata volontà da parte di T293 di approfondire la ricerca anche sul territorio nazionale, e proporre artisti emergenti in cui si è riconosciuto uno straordinario potenziale concettuale». 
Ci potreste riassumere, in estrema sintesi, la ricerca di Jana Schröder?
«Jana Schröder (1983, Brilon) ritorna in galleria presentando una nuova serie di "Kadlites”. Proseguendo la serie già avviata da due anni, i nuovi lavori si distinguono per le dimensioni ridotte e l’uso del giallo-ocra come colore di sfondo, ma condividono con i precedenti "Spontacts" la sperimentazione pittorica della cancellazione e dell’aggiunta. Lavorando con un'idea più matura di superficie, la linea ripetuta crea immagini astratte rappresentative del gesto dell’artista, facendone una costante nel lavoro di Schröder. Questi accumuli di segni, realizzati con la grafite e il pennello, vengono poi cancellati con una gomma. La cancellazione produce a sua volta nuove linee, in un movimento virtuoso ma leggero».
E la ricerca di Edoardo Caimi?
«Edoardo Caimi (1989, Milano) debutta negli spazi di T293 con delle installazioni formate da isole di pneumatici, percorse da linee colorate astratte segnate con bombolette spray di diversi colori. Caimi reinterpreta il modo di fare graffiti aggiungendo agli oggetti, o agli ingombri, contorni e segni sempre più concettuali ed astratti. I materiali, che sono scarti trovati in fabbriche e zone abbandonate, vengono trasportati attraverso la loro risistemazione e l’aggiunta di segni su un nuovo piano di lettura. Le sculture di pneumatici diventano così delle barricate, ma anche dei nuovi "graffiti”».
Quali saranno le prossime mostre in galleria?
«La galleria presenterà a settembre 2019 due mostre personali di artisti appena entrati nella scuderia della galleria. Joshua Miller (1981, Colorado) avanza nella sua pratica artistica considerazioni postmoderne sul linguaggio della pittura contemporanea, in costante bilico tra figurazione e astrazione. Riproducendo su ogni tela uno stesso soggetto, ma osservato da più punti di vista o reinterpretato attraverso differenti immagini di riferimento, crea numerosi spunti di osservazione e di analisi. Lo spettatore è dunque chiamato a superare la distorsione e il sentimento di alienazione causate dalla coesistenza sullo stesso spazio di iconografie e stili differenti tra loro, per indagarne dettagli, qualità e significati.  Hao Ni (1989, Taiwan), giovane ed emergente artista dall’estremo oriente, presenta per la prima volta in Italia un gruppo di lavori che fanno uso di diverse tecniche, tra le quali l’installazione, la scultura e il video. Ni indaga nel suo lavoro le strutture di potere, la società consumistica e la violenza estetica, provocando costantemente attraverso metafore politiche o memorie personali». (Silvia Conta)

Jana Schröder
"Kadlites RS6-17”
Dall’8 giugno al 3 agosto 2019
Edoardo Caimi
"B.L.I.S.S.”
Dall’8 giugno al 3 agosto 2019
T293
Via Ripense 6, Roma
Opening: 7 giugno, alle 19.00
Orari: dal martedì al venerdì, dalle 12.00 alle 19.00, sabato dalle 15.00 alle 19.00
www.t293.it, info@t293.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram