La Palestina oltre il territorio: Valerio Rocco Orlando e l'invisibile al MUDEC di Milano 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

La Palestina oltre il territorio: Valerio Rocco Orlando e l'invisibile al MUDEC di Milano

   
   
 
La Palestina oltre il territorio: Valerio Rocco Orlando e l'invisibile al MUDEC di Milano
pubblicato

Fino a domenica, al MUDEC di Milano, grazie alla collaborazione tra l’artista Valerio Rocco Orlando e l’attore Saleh Bakri (con la curatela di Alessandra Pioselli) potrete scoprire un’altra Palestina.
La modalità è semplice: sedetevi e guardate i venti minuti che compongono Dialogue with the unseen. Alla vostra sinistra, in un video a doppio canale, va in loop un camminamento nel deserto del Negev, mentre a destra Saleh dialoga con il rapper Eisa Khalifa (a Nazareth, al tramonto), e con la poetessa Asmaa Azaizeh (tra le rovine di quella che era la vecchia Haifa).
Cosa scoprire attraverso queste immagini, nel profondo, ieri sera lo hanno raccontato l’artista e l’attore, in una conversazione che ha preso forma seguendo il solco delle parole nel corto.
Un dialogo che Valerio Rocco Orlando ha descritto come un "episodio ulteriore del film” (girato con il supporto delle associazioni Assopace Palestina, Città Mondo, Fondazione Mon Soleil, e il Dipartimento di Mediazione Linguistica dell’Università di Milano) in cui la questione fondamentale diventa il tentativo di uscire dall’identità palestinese del "territorio”, dell’occupazione, del conflitto, della diaspora.
Tra i luoghi "non-specifici” dove ricercare una spiritualità non raccontabile perché puramente soggettiva – come racconta Saleh all’artista – anche i protagonisti di Dialogue with the unseen sembrano evadere, con una leggerezza e poesia tutt’altro che scontate, un’identità eternamente scritta, oltremodo indagata.
Perché dietro la storia contemporanea c’è sempre la vita. E c’è il modo di sentire di Saleh Bakri la propria professione in relazione alla comunità, e ci sono le domande dell’esistenza. Quelle di sempre. Cos’è l'invisibile? "L’invisibile sta dietro di me, ma è anche dentro di te. Alcune persone lo chiamano energia, ma le sue definizioni non sono mai molto interessanti”, racconta Saleh.
E invisibile è anche l’espansione che si ha del concetto di arte, "Quello che dopo questo progetto penso di aver sperimentato”, e il senso di appartenenza culturale di una comunità che resiste malgrado la storia.
Un modo differente e rarefatto di interpretare una collettività, una geografia politica, e anche la percezione del linguaggio.

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram