Il collezionista Giorgio Fasol e l'Università di Verona, per un comodato speciale 3077 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Il collezionista Giorgio Fasol e l'Università di Verona, per un comodato speciale

   
   
 
Il collezionista Giorgio Fasol e l'Università di Verona, per un comodato speciale
pubblicato

Infaticabile, Giorgio Fasol. E sempre, va ribadito, vicino ai giovani. Stavolta però non sono i giovani artisti che il collezionista negli anni ha raccolto e sostenuto, ma gli studenti dell’Università di Verona.
Che succede? La storia parte qualche tempo fa, a Santa Marta, sede dell’Università Scaligera che si trova nel quartiere di Veronetta, a due passi dalla stazione di Porta Vescovo.
«Un complesso architettonico che ricorda Oxford», racconta Fasol, che in origine fu panificio durante il regno austriaco (che a Verona durò dal 1815 al 1866), successivamente trasformato in caserma e poi abbandonato, fino al 2007, quando iniziarono i lavori per le aule.
Da oggi l’Ateneo accoglierà 80 opere della collezione AGI, che saranno messe "a disposizione” degli studenti, dei docenti e dei visitatori per almeno cinque anni, d’accordo con il rettorato e il consiglio accademico
In cambio, però, il progetto civico-educativo di Fasol richiede partecipazione: scordatevi una fruizione dell’arte passiva, il passeggio svagato di fronte alle opere. Per il prossimo lustro infatti il collezionista ha messo nelle clausole che venga realizzato un convegno l’anno, almeno tre talk dove ogni relatore dovrà essere affiancato da uno studente a sua volta chiamato a intervenire da protagonista e, last but not least, che ogni opera presente nell’edificio principale di Santa Marta e nelle due sedi adiacenti abbia un "tutor”.
Insomma, un vero e proprio progetto di curatela nel senso più esteso del termine (con il supporto del curatore Denis Isaia) che vedrà coinvolti in prima persona anche i rappresentanti degli studenti dei 14 dipartimenti dell’Ateneo.
«Qualcuno mi ha detto che non avrei dovuto prestare così tante opere in una struttura che è assente di guardiania, e che chiunque potrebbe danneggiare i pezzi. Ma io ho fiducia e voglio dare fiducia ai giovani e al domani. Voglio che si crei una formazione attraverso l’osservazione e la tutela dell’arte. Perché attraverso l’arte si conosce il presente e si può pensare il futuro», racconta Fasol con entusiasmo.
Un’iniziativa che arriva in risposta allo stop dei fondi (afferenti al piano dedicato allo sviluppo delle periferie), da parte del MIBAC, destinati al restauro del terzo edificio di Santa Marta (comprendente i giganteschi silos appartenenti all’antica funzione del caseggiato), che avrebbe potuto ospitare mostre, residenze, biblioteca, e bar/ristorante. Sotto quel punto di vista nessun gioco è stato fatto, ma la sfida che lancia Fasol è forse ancora più importante. Vedremo se gli adulti di domani, e le istituzioni di oggi, sapranno prestare la giusta attenzione. Aggiornamenti in corso!
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram