Uomini e donne oltre il confine. La videoarte della Fondazione Nefkens al MUST e al MAC 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Uomini e donne oltre il confine. La videoarte della Fondazione Nefkens al MUST e al MAC

   
   
 
Uomini e donne oltre il confine. La videoarte della Fondazione Nefkens al MUST e al MAC
pubblicato

Gli uomini contro le donne e poi gli uomini e le donne, di nuovo insieme per condividere un viaggio che, per entrambi, potrebbe essere l’ultimo. E ancora, gli esseri umani, i loro linguaggi così diversi che si parlano e si ascoltano, diventano nuove parole, spostano continuamente la linea dei confini. Ai Bordi dell’Identità è il nuovo progetto espositivo itinerante, a cura di Giacomo Zaza, che porterà al MUST di Lecce, dal 20 giugno al 8 settembre 2019, e al MAC di Lissone, dal 28 settembre al 24 novembre 2019, le opere di videoarte selezionate dalla collezione della Fondazione Han Nefkens di Barcellona e dal Premio de Producción de Video Arte Fundación Han Nefkens-CAC Quito 2018. 
Quindici artisti provenienti da differenti luoghi del mondo - Occidente, Americhe, Africa, Asia e Medio Oriente - propongono considerazioni sociologiche e culturali partendo dal proprio punto di vista e dai propri contesti di riferimento, attraverso linguaggi narrativi eterogenei. Da Shirin Neshat, che in Tooba (2002) propone un tentativo di risoluzione delle tensioni tra uomini e donne, a Maya Watanabe, che nel video Liminal (2019) si sofferma sui genocidi avvenuti in Perù, da Arash Nassiri, che in Tehran-geles (2014) sovrappone in maniera surreale le città di Teheran e Los Angeles per raccontare l’urgenza dei movimenti migratori, all’utopia comunista di Disappearance of a Tribe (2005), video intimo e biografico di Deimantas Narkevičius. Un approfondimento della videoarte latinoamericana è proposto da una selezione di opere tratte dall’edizione 2018 del Premio de Producción de Video Arte Fundación Han Nefkens-CAC Quito 2018, degli artisti Adrián Balseca, Javier Castro, Jonathas de Andrade, Luis Gómez Armenteros, Beatriz Santiago Muñoz.
Un excursus di video-racconti dal quale si ricava l’urgenza di porre l’essere umano al centro di un’indagine che coinvolge i processi d’identificazione e di appartenenza, d’individuazione delle differenze, di riconoscimento dell’alterità. Essere ai bordi, come suggerisce il titolo della collettiva, allude a quella condizione di fluidità in cui la definizione individuale si realizza attraverso il confronto e la negoziazione con il prossimo o il diverso. I video in mostra indicano, in una prospettiva positivistica, la direzione dell’interculturalità come matrice costruttiva, verso il percorso di emancipazione dell’uomo. 

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram