L'arte di raccontare una vita. A Bologna, applausi per la 15ma edizione di Biografilm 3077 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

L'arte di raccontare una vita. A Bologna, applausi per la 15ma edizione di Biografilm

   
   
 
L'arte di raccontare una vita. A Bologna, applausi per la 15ma edizione di Biografilm
pubblicato

Con l’edizione 2019 di Biografilm Festival – International Celebration of Lives, si è radunato ancora una volta a Bologna il meglio del cinema biografico e del documentario. Biografilm è il primo evento internazionale interamente dedicato alle biografie. 
Focus del Festival, giunto alla sua 15esima edizione, sono i racconti di vita, capaci di emozionare e far riflettere, percorsi ed esperienze che hanno influenzato e determinato la vita di una persona o, magari, del mondo. Il biopic è stato protagonista più che mai anche quest’anno con molte anteprime italiane e internazionali ritraendo i più grandi protagonisti dell’arte e della cultura mondiali ma non sono mancate storie di fiction che raccontano di personaggi e delle loro piccole e grandi storie. 
Alcuni numeri: 109 i titoli in selezione di cui 73 anteprime nazionali (26 europee e internazionali, 20 mondiali). Un’attenzione particolare ai film di produzione europea, che hanno costituito l’80% del programma. Oltre 150 gli ospiti italiani e internazionali presenti nel capoluogo felsineo durante i giorni del Festival, dal 7 al 17 giugno. 
Sempre molto stretto il connubio con le arti visive e particolarmente applaudito è stato il documentario di Manuela Teatini sulla figura di Massimo Minini - The Story of a Gallerist. Attraverso conversazioni con gli artisti che hanno collaborato con l’eccentrico gallerista e la ricostruzione di performance e mostre, Teatini ha messo insieme il puzzle di una carriera importantissima, a circa mezzo secolo dall’apertura della storica galleria bresciana. 
Fino al 21 giugno alla musica il compito di dare ritmo agli ultimi momenti del festival, con Biografilm Park, la rassegna di eventi fuori sala che propone quotidianamente spettacoli, incontri e concerti gratuiti. Come ogni anno, l'appuntamento è al Parco del Cavaticcio, proprio alle spalle del Mambo, che ha patrocinato alcuni eventi e produzioni della sezione Art&Music e, in particolar modo, il vernissage di "All We Ever Wanted Was Everything and Everywhere”, prima personale in Italia di Julian Charrière, che sarà visitabile fino al 9 settembre, nella Sala delle Ciminiere. (Vincenzo D’Argenio)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram