Nel giardino di Luca Guadagnino. Il regista è guest artist della Collezione Fendi Uomo 3066 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Nel giardino di Luca Guadagnino. Il regista è guest artist della Collezione Fendi Uomo

   
   
 
Nel giardino di Luca Guadagnino. Il regista è guest artist della Collezione Fendi Uomo
pubblicato

Cosa ci piace dei film di Luca Guadagnino? Tra le altre cose, le camicie, le polo, le magliette, che si intonano alle luci, alle atmosfere, ai paesaggi. Perché il suo è uno stile inconfondibile e sofisticato, non solo come impostazione registica ma anche come scelta di giacche. Notevoli i colli alla coreana o i papillon sfoggiati sui vari red carpet. Fendi non poteva non apprezzare e, nel corso della sfilata della Collezione Uomo Primavera/Estate 2020, nei giardini di Villa Reale a Milano, ha presentato la nuova collaborazione esclusiva con il regista nato a Palermo nel 1971. 
Il suo ruolo di guest artist è frutto di una lunga amicizia con Silvia Venturini Fendi, la cui prima collaborazione risale al 2005, per il cortometraggio The First Sun, commissionato con la presentazione della collezione Uomo Primavera/Estate 2006. In questa occasione, il regista e la designer hanno dialogato per la progettazione di tutti gli elementi della sfilata e della collezione, dalle stampe grafiche agli accessori, dalla direzione artistica della sede della sfilata al casting. Fino alla colonna sonora, rielaborata per l’occasione da Ryuichi Sakamoto, che sta componendo la soundtrack di Born To Be Murdered, film diretto da Ferdinando Cito Filomarino e prodotto da Guadagnino, in uscita nel 2020. 
Giocata sull’en plein air, la Collezione Fendi Uomo Primavera/Estate 2020 presenta un'allure bucolica e interpreta il giardino come simbolo del rapporto tra l'uomo e la natura, un tema particolarmente caro sia a Guadagnino che a Venturini Fendi. Disegnata digitalmente nei momenti di pausa sul set del remake di Suspiria, il film girato da Guadagnino nel 2018, è la serie di linee multicolori sovrapposte dalle quale sono nate le stampe del ready-to-wear e degli accessori, in un mix astratto di scacchi e strisce naïf. Con riferimenti espliciti all'arte del giardinaggio, dai cappelli estivi in rafia intrecciata con il logo FF alle scarpe Fendi realizzate in collaborazione con Moonstar, sino ai portachiavi-apribottiglia con rastrelli e cesoie in miniatura. 

In alto: Luca Guadagnino e Silvia Venturini Fendi @ FENDI MSS20 Fashion Show
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram