Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space

   
   
 
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
pubblicato

"I am your only God”. È questo il titolo del progetto di Flaminia Bonciani che sarà esposto presso il RUFA Space, in via degli Ausoni 7 a Roma, nel cuore del quartiere San Lorenzo. Venerdì, 21 giugno, alle ore 18, l’inaugurazione della mostra, che rientra nel programma Solo Exhibition e che sarà visitabile fino al 26 giugno. 
«Si tratta – spiega la curatrice Carlotta De Martino – di un percorso sensoriale e psichico nell’oggi che, come non mai, è stato intriso del nostro ieri. Il dio che ci parla è un comando di godimento che ci impone di desiderare senza mai poter raggiungere l’oggetto agognato. Capitalismo e consumismo dominano un loop di un godimento senza fine, di una bramosia distorta, in cui l’uomo perde consistenza e consapevolezze. La presa diretta con il nostro Io è fallata, menzognera». 
Usando diversi linguaggi artistici, tra pittura, video e scultura, a essere protagonisti della mostra sono i colori degli anni ’80. Proseguendo verso altri luoghi e altri tempi, lungo grandi e soleggiati viali di immagini, scopriamo forme e colori che riportano alla cultura pop e aprono un mondo conosciuto da tutti, nel quale ognuno può riconoscere parte del proprio vissuto, anche non consapevole. 
È il background occidentale in parte inconscio e in parte visivo, che ritorna lì dove non se ne era mai andato. È un percorso di immagini, colori, ricordi, suoni, suggestioni che evocano anche passati non vissuti oppure desideri inespressi, ma che in qualche modo ci fanno sempre sentire a casa.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram