Fino al 24.XI.2019 - Chiara Dynys Sabra Beauty Everywhere - Museo Correr, Venezia 3080 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 24.XI.2019
Chiara Dynys Sabra Beauty Everywhere
Museo Correr, Venezia

   
  Jacqueline Ceresoli 
 
Fino al 24.XI.2019 - Chiara Dynys Sabra Beauty Everywhere - Museo Correr, Venezia
pubblicato

Chiara Dynys, artista concettuale dalla personalità complessa e creatività poliedrica, a Venezia, al Museo Correr, nella Sala delle Quattro Porte, nell’ambito dei progetti speciali del MUVE Contemporaneo, un programma  di mostre, eventi e perfomance giunto alla quarta edizione, mirato a valorizzare il dialogo tra  le collezioni permanenti dei Musei Civici di Venezia,  ideato e promosso da Gabriella Belli (Direttore Fondazione Musei Civici di Venezia) e Mariacristina Gribaudi (Presidente Fondazione Musei Civici di Venezia), presenta una serie di fotografie inedite dedicate a temi sociali attuali e problemi emergenti con sguardo poetico e volontà di riscatto del diritto dei bambini  di esistere.  
La mostra intitolata "Sabra Beauty Everywhere", a cura di Gabriella Belli, comprende 27 trittici in legno e foglia d’oro, ispirati ai polittici delle chiese, presenta le fotografie realizzate da Dynys tra il 2010 e il 2013 a Beirut, su campi profughi di Sabra e Shatila in Libano. A quarant’anni dal massacro di vittime innocenti, queste immagini riscattano dall’anonimato i bambini dall’oblio degli adulti, prigionieri di campi profughi  libanesi,  abitati da  uomini, donne e  intere famiglie senza speranza di futuro, di cui  pochi si interessano.  Esseri umani senza diritti, che non possiedono una casa, non abitano nessuna città, a cui hanno rubato la memoria e l’identità, e bambini dimenticati dal mondo perché  la loro storia non fa più notizia.  L’artista multimediale che vanta un curriculum espositivo internazionale, con questo lavoro, dopo aver vissuto nei campi profughi, percorso per giorni  e giorni luoghi "senza attesa”, dove il domani  è una incognita e il presente una tragedia, in punta di piedi , senza violare regole etiche, nel rispetto dell’esistenza di individui che vivono ai margini della società civile, ha scattato fotografie di una straziante  e autentica bellezza. 

null
Chiara Dynys, Sabra Beauty Everywhere, 2012 Collezione VAF Stiftung Museo Correr Venezia. Courtesy l'artista Photo Paolo Vandrasch

Questo non è un lavoro politico sulla condizione dei profughi in Medio Oriente, ma una toccante documentazione sulle modalità di cogliere l’identità, il diritto all’esistenza dei bambini , che non hanno perduto la voglia di giocare, di vivere, seppure in una condizione non normale in cui diventare adulti. Dynys con questo progetto ideato per il Museo Correr ha superato se stessa, paradossalmente , è un inno alla vita, all’amore per la grazia , poesia e sensibilità estetica del suo sguardo, capace di trasfigurare la realtà in una visione  metafisica.  Le sue immagini davvero toccanti, d’immediata seduzione estetica,  sembrano dipinte con pittura a olio, oltrepassano il presente e si inscrivono nel tempo della storia dell’arte. L’artista, immortalando gesti e sguardi di bambini  che chiedono di essere tali, coglie i loro stati d’animo , da voce a parole non ascoltate,  chiudendo i loro gesti, posture , azioni e luoghi disumani  in una dimensione congelata, rarefatta, di imperitura bellezza, in cui la fotografia diventa lo specchio iconico dinamico di una dimensione irreale. Il tema non è facile, c’è il rischio di scivolare in voyerismi inutili: Dynys  ha utilizzato la fotografia come una pratica dello "strappo” di pelle della realtà, per elevare l’istante  in un astrazione spazio temporale sublime. Nel reportage gli sguardi, le torsioni plastiche dei bambini che vivono l’anomalia della guerra, della violenza  come una normalità quotidiana, nei ghetti, dove non esistono diritti, testimoniano che nonostante  la follia degli uomini, essi  vivono, giocano e forse sognano di diventare adulti anche nelle condizioni peggiori. L’anomalo reportage di una infanzia lacerata di Chiara Dynys, riscatta tutti i bambini che vivono nelle aree di conflitto dalla loro condizione di vittime innocenti, non solo libanesi, incastonando le immagini in trittici dorati, che dialogano con i polittici medioevali a fondo oro esposti al Museo Correr e nella Sala delle Quattro Porte, tra le più preziose di tutto il museo, con il rilievo cinquecentesco "Madonna col Bambino”, di Jacopo Sansovino. Gabriella Belli, sensibile a tematiche sociali, dopo aver ospitato al Correr le mostre dell’artista  americana Jenny Holzer e l’iraniana  Shirin  Neshat, in linea con le precedenti esposizioni dedicate a tematiche sociali, quest’anno ha invitato  l’artista italiana a dare voce  con un progetto mirato, con l’obiettivo di  mostrare senza descrivere le troppe ingiustizie diffuse in diverse parti del mondo.  Al centro della sala, una grande installazione con teca di cristallo, attraversata dalla scritta in oro "Non c’è nulla al di fuori” tratta dal pensiero di Sant’Agostino,  diviene un elemento di congiunzione tra dentro e fuori, mettendo in primo piano  il diritto dell’infanzia come  protagonista dell’intero progetto. Dynys dimostra una raffinata capacità di rielaborare attraverso la fotografia l’iconografia appartenete alla storia dell’arte, in cui linea, colore, composizione formale dell’immagine si iscrivono in valori pittorici  e nella ricerca dell’armonia tra le singole parti che costituiscono l’opera, invitando lo spettatore a liberarsi da pregiudizi per cogliere l’essenza  del concetto di innocenza , di istinto vitale iscritto negli guardi nitidamente "intagliati "  di bambini  di ieri , oggi e domani, incastonati come diamanti in scrigni preziosi simili a sculture che trasudano inquietudini di una limpida e sacrale bellezza. 

Jacqueline Ceresoli
Mostra visitata il 9 maggio  

Dal 9 maggio al 24 novembre 2019
Chiara Dynys Sabra Beauty Everywhere 
Museo Correr San Marco 52, Venezia 
Orari: dal 1 novembre al 31 marzo 10.30 – 17.00 - dal 1 aprile al 31 ottobre 10.00 – 19.00
Info: www.correr.visitmuve.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Jacqueline Ceresoli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram