Ai Weiwei firmerà la Turandot di Puccini in chiave politica, partendo da Zeffirelli 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/07/2019
Banksy è ufficialmente l’artista più amato di tutti i tempi dagli inglesi
18/07/2019
Un uomo ha appiccato un incendio in uno studio di animazione giapponese. Almeno 20 morti
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Ai Weiwei firmerà la Turandot di Puccini in chiave politica, partendo da Zeffirelli

   
   
 
Ai Weiwei firmerà la Turandot di Puccini in chiave politica, partendo da Zeffirelli
pubblicato

Ai Weiwei firmerà regia, scene e costumi della Turandot di Giacomo Puccini, che andrà in scena dal 24 marzo 2020 al Teatro dell’Opera di Roma. La notizia, risalente a fine maggio, è stata recentemente commentata dall’artista dissidente in un’intervista rilasciata a La Repubblica: «Non avrei accettato l’invito ad occuparmi di una regia lirica perché mi sento piuttosto lontano dalla musica. Due sono gli aspetti che però mi hanno convinto. Uno generale, perché credo che l’opera racconti la contemporaneità, i problemi culturali e politici di oggi narrati, in questo caso, attraverso Turandot». 
Tra le ragioni che hanno spinto Ai Weiwei ad accettare l’incarico, anche una vicenda legata alla sua storia personale: come ha riportato Il Giornale dello Spettacolo, infatti, l’artista avrebbe raccontato «di aver fatto la comparsa in una Turandot con la regia di Franco Zeffirelli al Metropolitan di New York passata alla storia: fece da comparsa in quella e altre opere perché da immigrato doveva racimolare soldi per vivere. Ai Weiwei, che ha confessato di non conoscere la musica e che darà una lettura politica dell’opera, ha già fatto un sopralluogo a Roma e portato i primi bozzetti». 
In merito alla notizia, il sovrintendente Carlo Fuortes ha dichiarato: «Credo sia indispensabile programmare un teatro attento a tutti i fermenti artistici contemporanei e sempre alla ricerca del nuovo. E così, volendo proporre una nuova regia di un lavoro amatissimo come Turandot, ho ritenuto che la rilettura attuale da parte di uno degli artisti contemporanei più affermati, Ai Weiwei, nato e cresciuto in Cina, potesse risultare di grandissimo interesse».

In alto: foto di Yasuko Kageyama
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram