A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino 3049 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino

   
  Veronica Cimmino 
 
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
pubblicato

Dopo la sua riscoperta nel 1914, a opera dell’archeologo Giacomo Boni, ritorna alla luce il Ninfeo degli Specchi. 
Siamo agli Horti Farnesiani, il giardino voluto dalla famiglia Farnese sulle rovine romane del Palatino. Dismessi a seguito del declino della potente famiglia rinascimentale, gli Horti erano stati pensati per essere un luogo di delizie in cui istanze esotiche si palesavano attraverso la presenza di piante e uccelli rari. 
Il Ninfeo era costituito da un corpo centrale coperto da una volta a cupola, dalla quale l’acqua scendeva secondo un effetto a pioggia, mentre altra acqua sgorgava dalle nicchie ricavate dalla quinta teatrale del Ninfeo, dove tre satiri sostenevano gli specchi che danno il nome al Ninfeo. 
La presenza degli specchi ha fatto prospettare che la paternità del progetto possa riferirsi a Pirro Ligorio, il grande architetto rinascimentale che, oltre a essere stato attivo in residenze come Palazzo Farnese a Caprarola e Villa d’Este, adoperò spesso gli specchi, un uso «raro e costoso» come afferma Alfonsina Russo, direttrice del Parco Archeologico del Colosseo. La nota di spesa di 80 scudi intestata a Pirro Ligorio per aver condotto alcuni lavori sul Palatino, potrebbe confermarne la paternità dell’opera. 
Dopo più di 300 anni l’acqua ritorna agli Horti Farnesiani, dove Gabriella Strano, architetto paesaggista e curatrice del progetto, assicura di aver ripristinato «lo scherzo degli antichi rinascimentali», quindi occhio alla sorpresa, perché le vecchie condutture sono di nuovo attive e lo scherzo è servito. (Veronica Cimmino)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Veronica Cimmino
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram