Addio a Mordillo. Se ne va il fumettista dell’umorismo pacifico e degli animali buffi 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Addio a Mordillo. Se ne va il fumettista dell’umorismo pacifico e degli animali buffi

   
   
 
Addio a Mordillo. Se ne va il fumettista dell’umorismo pacifico e degli animali buffi
pubblicato

È scomparso il 29 giugno, a 86 anni, Guillermo Mordillo Menéndez, fumettista e illustratore argentino, tra i cartoonist più pubblicati e conosciuti al mondo. Secondo quanto riportato da El Pais, Mordillo ha accusato un malore, rivelatosi poco dopo fatale, durante una cena con i suoi parenti, in un ristorante di Palmanova, a Maiorca, dove Mordillo risiedeva per alcuni periodi dell’anno. 
Indimenticabili i suoi fumetti, apprezzati per un umorismo gentile e pacifico, replicati su puzzle, poster, cartoline e diari, acquistati da tantissime generazioni. Amatissimi i suoi personaggi, sia umani che animali, in particolare le giraffe dal collo lungo e gli eleganti dagli occhi enormi, caratterizzati da forme tondeggianti e una forte espressività emotiva. 
Nato a Buenos Aires, nel barrio di Villa Pueyrredon, il 4 agosto del 1932, da una famiglia di emigrati dalla Spagna, realizzò il suo primo disegno all'età di dodici anni. Ancora adolescente, Mordillo fondò un giornalino scolastico, assieme a Enrique Lipszyc, poi divenuto sceneggiatore di fumetti e ideatore della Escuela panamericana de arte. La sua attività di illustratore di libri per l'infanzia, oltre che di pubblicitario e vignettista, iniziò a diciotto anni. Dopo aver conseguito una laurea in illustrazione si trasferì poco più che ventenne in Perù per poi approdare, nel 1960n a New York. Qui lavorò alla Paramount Pictures, disegnando per cortometraggi e fumetti come Popeye e Little Lulu. Tre anni dopo, il trasferimento a Parigi e, dopo la collaborazione con il quotidiano Paris Match, la consacrazione definitiva. 
Tanti i premi ricevuti: il Phoenix Prize of Humor nel 1973, il Yellow Kid Award nel 1974, il Nakanoki Prize nel 1977, il Cartoonist of the Year del Salone Internazionale dell'Humor di Montréal nel 1977.
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram