Tra i vicoli di Napoli torna Altofest, il festival che dà casa alle arti performative 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/07/2019
Banksy è ufficialmente l’artista più amato di tutti i tempi dagli inglesi
18/07/2019
Un uomo ha appiccato un incendio in uno studio di animazione giapponese. Almeno 20 morti
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Tra i vicoli di Napoli torna Altofest, il festival che dà casa alle arti performative

   
   
 
Tra i vicoli di Napoli torna Altofest, il festival che dà casa alle arti performative
pubblicato

Per la sua IX edizione, il (non) festival Altofest si interroga sul concetto di Habitat, definito come «l’insieme delle condizioni ambientali in cui vive una determinata specie». Dal 3 al 7 luglio 2019, e nei cinque giorni precedenti, i donatori di spazi dei quartieri popolari di Materdei, Sanità, Centro Storico, Quartieri Spagnoli e Pedamentina, accolgono nelle loro case artisti provenienti da tutto il mondo. 
Il festival, precisano i co-direttori artistici Anna Gesualdi e Giovanni Trono, è un'opera-sistema che include teatro, danza, performance, video e ogni sorta di ibridazione che possa essere rappresentata dal vivo. L’evento, organizzato da TeatrInGestAzione, mette in dialogo il processo creativo con l’intimità domestica. Lo scopo è restituire valore di necessità all’arte e alla cultura in quanto beni primari della società. 
Il fitto programma di Altofest, diffuso tra case, vicoli, laboratori, fondazioni e attività commerciali, porta alla scoperta di luoghi nascosti e invade la città con un progetto di socialità sperimentale. Gli artisti sono invitati a ripensare la loro opera per riadattarla allo spazio domestico, che ne sarà palcoscenico. Le famiglie, invece, entrano nel processo creativo. L’arte contamina la quotidianità e da lì si propaga nel tessuto di relazioni sociali e urbane di cui i donatori di spazi fanno parte. Il risultato è una rigenerazione proficua per entrambi gli attori dello scambio. 
Altofest è un format nato a Napoli nel 2011 che, con l’assegnazione nel 2017-18 del EFFE AWARD, è stato riconosciuto come uno dei più interessanti a livello europeo. Il festival collabora dal 2018 con le Capitali Europee della Cultura, attraverso le edizioni di speciali di "Altofest Malta 2018”, curata per la città di Valletta, e "Altofest Matera-Basilicata 2019”, dal 4 novembre all’8 dicembre. 
Ad affiancare gli spettacoli, una serie di appuntamenti dedicati agli operatori di settore, a cura di Co.R la Comunità di Ricerca del festival: Texture è la piattaforma che apre la manifestazione, è stata affidata quest’anno a Liv.in.g., società no profit per l’internazionalizzazione dei progetti culturali; il Foglio del Fest, a cura di Silvia Mei, è una raccolta di testi intorno al topic dell’edizione in corso; Voice-over, Conversazioni con gli artisti, a cura di Rosa Coppola, è il momento di dibattito tra artisti e pubblico; mentre Agorà, Un’assemblea aperta, è il luogo dove far emergere criticità e punti di forza del sistema. 
Il momento conviviale è tutti i giorni, a ora di pranzo, alla cucina sociale a cura della cooperativa Le Mamme della Sanità. 
Gli artisti e le opere in calendario per la IX edizione sono: Giulio De Leo / Compagnia Menhir Danza (IT); Park Keito (ES, JP); Colectivo Querido Venado (MX); Progetto Brockenhaus (CH; IT); O-Team (DE); Menchetti | Cirera | Serrano (IT; Murcia; ES); Aharona Israel (IL); Inkörper Company (CH); Ateliersi (IT); La |SIC| (ES; BE); Raquel Ponce Hernandez (ES); Pardo | Wanka (AR; DE); Roberto Corradino (IT); Monamas Theatre Company (UK; GR) e gli interventi EXTRA-FEST di Antonino Talamo (IT); Federica Terracina (IT); Sara Terracciano (IT). 
Qui tutte le info sul programma. (Sirio Schiano Lo Moriello)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram