Fino al 11.VII.2019 - Eugenio Giliberti, indici.casa.volo - Intragallery, Napoli 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 11.VII.2019
Eugenio Giliberti, indici.casa.volo
Intragallery, Napoli

   
  Emanuele Castellano 
 
Fino al 11.VII.2019 - Eugenio Giliberti, indici.casa.volo - Intragallery, Napoli
pubblicato

Una indagine lunga, complessa e avvincente sulla figura di Giacomo Leopardi e sui suoi trascorsi nel capoluogo partenopeo. C’è questa ricerca alla base del progetto presentato da Eugenio Giliberti per lo spazio Intragallery a Napoli, scandito da dipinti di varie dimensioni che rimandano ai diversi indici dello Zibaldone del grande poeta. Quest’azione del "rimandare” non riguarda le problematiche del restituire o dell’invocare ma, piuttosto, l’idea di tradurre/trasferire.  
I dipinti sono composti da una serie di forme geometriche modulari e colorate, che seguono meticolosamente l’ordine degli indici leopardiani e percorrono una sorta di traslitterazione da testo letterale a immagine visibile. La tecnica a encausto con la quale queste opere sono state dipinte aiuta fa in modo da generare, nella mente dell’osservatore, un’inconsueta e caratterizzante sensazione di ordine e armonia, dove colore, forma e contenuto convivono in maniera quieta e audace allo stesso tempo.

null
Eugenio Giliberti, indici.casa.volo, Foto di Dario Luongo

Lo studio leopardiano, durato diversi anni, si fa ancora più articolato nell’installazione volo di un omino giallo, una piccola scultura in cera che, disposta su un cerchio rotante, viene immersa in un ambiente buio e, quindi, illuminata tramite un cono di luce. Tutto ciò dialoga con un suono di fondo insistente, realizzato in collaborazione di due musicisti del conservatorio di Benevento, che produce un’ulteriore traslitterazione, dall’onda dei colori dello spettro visibile all’onda sonora.
«Nella sezione manoscritti della Biblioteca Nazionale di Napoli sono conservati, tra le "Carte Leopardi”, alcuni fogli pieni di numeri vergati dal poeta. Sono gli indici con i quali Leopardi permette la lettura ordinata per argomento del suo Zibaldone di pensieri. Quei numeri mi avevano colpito ma, attratto da altri materiali di studio, non ne avevo colto il senso. Mi tornavano alla memoria come immagini e li pensavo animati da una logica matematica affine alle mie opere combinatorie. Partendo da questo "mal entendu”, ormai chiarito, ho realizzato una serie di quadri – dipinti involontari – in cui le cifre da 1 a (1)0 sono rappresentate da altrettanti colori che si dispongono in piccoli quadrati nella superficie della tela secondo l’ordine degli indici leopardiani», ha spiegato l’artista.
Il prodotto finale, allora, non è altro che lo stesso Zibaldone riplasmato in immagini, colori e, infine, in uno spartito. A dimostrazione che, attraverso un materiale intangibile come il puro pensiero, è possibile modellare una scultura, una pittura, una musica.

Emanuele Castellano
mostra visitata il 17 giugno

Dal 16 maggio all’11 luglio 2019
Eugenio Giliberti, indici.casa.volo
Intragallery, Via Cavallerizza a Chiaia, 57, Napoli 
Info: info@intragallery.it
Orari: dal lunedì al venerdì, dalle 17 alle 20. Sabato su appuntamento

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Emanuele Castellano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram