A Milano, attrazione fatale tra tradizione coreana e fashion design. Nel segno dell’eleganza 3016 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/07/2019
Banksy è ufficialmente l’artista più amato di tutti i tempi dagli inglesi
18/07/2019
Un uomo ha appiccato un incendio in uno studio di animazione giapponese. Almeno 20 morti
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

A Milano, attrazione fatale tra tradizione coreana e fashion design. Nel segno dell’eleganza

   
   
 
A Milano, attrazione fatale tra tradizione coreana e fashion design. Nel segno dell’eleganza
pubblicato

Quando la scrittura incontra la pittura nella cultura orientale, nascono paesaggi lirici e poetici. Ma se l’antico linguaggio grafico coreano chiamato Hangeul, risalente al XV secolo e in Occidente ancora sconosciuto, s’intreccia con la moda, allora si plasmano forme, strutture, stili e grafismi armoniosi, all’insegna della cultura dell’eleganza. Il dialogo armonico e rigenerante tra i grafismi coreani e le strutture occidentali è documentato da 73 abiti-sculture realizzati da altrettanti artisti-designer, che rielaborano in maniera creativa lo spirito, il significato e le caratteristiche del linguaggio Hangeul, comprensivo di un sistema di segni grafici e fonetici tutt’ora praticato.
L’occasione è la raffinata mostra intitolata "Connecting Borders: Hangelul x Fashion Art”, nell’ambito della 19ma International Fashion Art Exhibition, curata dalla co-Presidente dell’Associazione della Moda e della Cultura Coreana, Sunhee Park, affascinate signora nonché docente di Fashion Design presso la Ewha Womans University di Seoul. La mostra, visitabile fino al 28 luglio, ospitata a Palazzo Morando | Costume Moda e Immagine, è promossa da Comune di Milano, Ministero della Cultura, dello Sport e del Turismo della Repubblica di Corea, con la collaborazione di National Hangeul e del Seoul Metropolitan Government, realizzata da The Korea Fashion& Culture Associati con il sostegno del Consolato Generale di Milano. 
Stilisti affermati, talenti emergenti, designer coreani e artisti provenienti da cinque Paesi oltreoceano, hanno rivisitato in maniera originale l’antica scrittura coreana, grazie anche alla collaborazione con il National Hangel Museum, che ha fornito materiali relativi a questo linguaggio espressivo della cultura coreana. Quest’anno The Korea Fashion &Culture Association, per commemorare il centenario del Movimento del 1° marzo, giornata dell’indipendenza del popolo coreano dall’Impero giapponese (1 marzo 1919), ha considerato necessario partire dalla propria identità, dalla scrittura Hangeul, unendo design e moda, codici di cultura internazionali. 
Il percorso espositivo al piano terra di Palazzo Morando incomincia con la sezione "Forma e Struttura”, con abiti strepitosi che evidenziano le corrispondenze tra le forme geometriche e quelle dell’Hangeul. La seconda sezione, "Stile e Scrittura”, presenta opere che collegano i vari stili di Hangeul che si sono sviluppati dal XV secolo a oggi. L’ultima sezione, "Stile e Grafica”, è un inno alla vitalità del connubio tra moda e design, incentrato sulla simbiosi tra i codici della moda e gli elementi simbolici della cultura funzionalista, come il punto, la linea e la superficie. E, in questo caso, scindere il design dalla couture è davvero impossibile. Vedere per credere. 
Sappiamo che la moda è anche arte e, in particolare, vale per questi abiti-sculture per lo più lunghi, modelli soirée per le grandi occasioni dalle forme sartoriali impeccabili, in cui ogni dettaglio svela un’abilità manuale straordinaria, innovativi per i tessuti utilizzati, di colore nero, rosso, blu e bianco. 
Ovviamente, la scelta di presentare una "sfilata” di abiti mozzafiato a Milano, capitale del design e della moda, a Palazzo Morando, nel cuore del quadrilatero della moda della city, suggella la proficua intesa tra la città e la Corea. Inoltre, è risaputo che il numero di studenti coreani che frequentano le accademie d’arte e gli istituiti di moda e design a Milano, come il Marangoni e lo IED sono in crescendo, anno dopo anno. Insomma, una generazione transnazionale, unita nella condivisione di forme di bellezza e, di questi tempi, ne abbiamo bisogno. (Jacqueline Ceresoli)
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram