Fare il product designer per LEGO è il lavoro che sognavate. Candidature aperte 3083 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fare il product designer per LEGO è il lavoro che sognavate. Candidature aperte

   
   
 
Fare il product designer per LEGO è il lavoro che sognavate. Candidature aperte
pubblicato

L’infanzia è una cameretta esplosa di mattoncini LEGO sparsi sul pavimento e sotto il letto, nei cassetti della biancheria e sul lampadario. Poi arrivava mamma o papà – o entrambi nei casi più gravi – e doveva tornare tutto nel cesto dei giocattoli. Ma oggi potreste prendervi una bella rivincita su quella pretesa di ordine: LEGO sta cercando product designer per progettare nuove esperienze di gioco e voi ne avete sicuramente tante da raccontare, in merito alla questione dei cubotti spigolosi. 
«Siamo alla ricerca di nuovi designer di talento per disegnare, prototipare, sviluppare e costruire nuove esperienze e concetti di gioco. Come designer LEGO® (occhio al trademark, ndr) creerai le migliori esperienze di costruzione e gioco del mondo, per ragazzi e ragazze, attraverso marchi come LEGO Super Heroes, LEGO Disney, LEGO City, LEGO Creator, LEGO Technic, LEGO Friends e DUPLO». Sì, si tratta esattamente del lavoro dei sogni, per gli ex bambini di tutto il mondo.
Tra i requisiti, formazione in design industriale e passione per i giocattoli ma anche capacità di storytelling, visto che, come tutti sanno, quella dei LEGO è un’esperienza totalizzante, dalla pratica della costruzione all’immaginazione di avventure intricatissime, tra galeoni dei pirati e space shuttle. Ma la sfida è anche quella di cogliere le opportunità e le sfide del presente, per esempio, LEGO sta attualmente testando il progetto Braille Bricks, dedicato a persone ipovedenti e compatibile con tutti gli attuali blocchi standard. E poi, se anche Olafur Eliasson ha usato i mattoncini per il suo ultimo progetto alla Tate Modern, qualcosa dovrà pur significare. 
Qui il link per candidarsi e per tutte le informazioni potete inviare una mail a design.management@LEGO.com. 
Pronti per un viaggio nella fredda ma coloratissima Billund?
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram