Tre esempi per la fotografia degli anni ‘90 3062 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/07/2019
Il viaggio dentro e fuori di te, per il prossimo manifesto di Flashback Opera Viva a Torino
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Tre esempi per la fotografia degli anni ‘90

   
 Ultima tappa per il binomio Fotografia-ready made. In evidenza il lavoro fotografico di tre artisti degli anni ‘90: Serrano, Beecroft e Cosci. Nel prossimo articolo la fotografia dell’Ottocento... Roberto Maggiori 
 
pubblicato
Ancora legate ad una logica da ready made, possono essere considerate le opere di due artisti degli anni ’90 come Andres Serrano e Vanessa Beecroft che in qualche modo utilizzano un tipo di straniamento simile a quello che abbiamo già visto in Oliviero Toscani, nel precedente approfondimento. Entrambi giocano infatti sul cortocircuito che si viene a creare tra i soggetti-oggetti delle loro fotografie e il sistema che li veicola. Nel caso di Serrano (1950) la partita si gioca tra i valori oggettivi “raccapriccianti”, cui sono immediatamente riconducibili iVanessa Beecroft (s)oggetti reali fotografati, e la loro messa in forma curata ed accattivante. Rappresentativi di realtà generalmente squallide, quali possono associarsi ad una morte anormale, ai membri del Ku Klux Klan, o a taboo intoccabili come la religione ed il sesso estremo, questi soggetti sono resi tangibili dall’alta definizione dell’immagine, nonché dai dettagli ingranditi ed illuminati in modo da far emergere il soggetto dallo sfondo. Soggetto che, attraverso la sua “traccia” fotografica, afferma scandalosamente la propria inquietante esistenza, il suo essere reale e di questo mondo e non un metaforico parto dell’immaginazione di pittorica memoria.
Le foto delle “goffe indossatrici”, riprese dalla genovese Vanessa Beecroft (1969), scimmiottano invece, su un versante “povero”, l’universo fittizio e suadente riprodotto dai mezzi diAndres Serrano comunicazione. Concretamente presente nella vita di tutti i giorni, quest’esteriorità ammaliante è ormai il termine di paragone con cui fare i conti, il metro di misura cui rapportarsi in una società in cui essere vuol dire apparire. L’esteriorità fisica, ormai manipolabile tecnologicamente, chirurgicamente, diviene così lo status symbol stereotipato ed omologato fino al grottesco dai mass media. Un’esteriorità fisica, questa ben rappresentata dalle caricature della Beecroft, che – al contrario di quanto fatto da Toscani – in luogo dei circuiti classici patinati, utilizzati dalla moda, predilige la circolazione museale “alta”, atta a suggellare e a svelare, attraverso l’ennesima decontestualizzazione, l’essenza apparente dell’oggetto donna-uomo-mondo.
Il clima d’oggettività in linea di massima permarrà dunque, con poche varianti, fino alla fine degli anni ’90. E’ infatti di questi anni il lavoro di un giovane e rappresentativo artista italiano: Gianluca Cosci. Col suo lavoro Cosci rivendica la propria identità, il suo appartenere alla dimensione reale. Ma in un periodo in cui il reale viene esperito attraverso le immagini mediali, la vidimazione della propria essenza, come abbiamo visto, non può convalidarsi che attraverso l’esteriorità del proprio corpo, riprodotta dall’obiettività tecnologica. Il corpo acquisisce così una patente di legittimità, mediante un processo analogo a quello con cui i mezzi di comunicazione ci fanno esperire (apparentemente) la realtà. Come sosteneva la Sontag in Sulla fotografia (1977), la nostra esperienza del reale è ormai mediata quasi completamente dalle immagini tecnologiche, cosicché i piani si ribaltano: non è più la fotografia che assomiglia alla realtà, ma è la realtà Gianluca-Cosci ad assomigliare alla fotografia: “Non ci può essere quindi più nessuna identità, se non quella della riconoscibilità immediata, da logo, propria dei nostri (di massa) sistemi di comunicazione. Tutte le altre sono non identità” (Cosci 1998).
Ancora una volta la fotografia si identifica con il suo correlato esteriore, con l’oggetto “opportunamente” ripreso; con il ready made la cui logica straniante subisce ormai inconsapevolmente l’umanità intera.

articoli correlati
Intervista a Vanessa Beecroft
Vanessa Beecroft
VB 48 - Vanessa Beecroft
Andres Serrano. A History Of Sex
Andrés Serrano: The interpretation of Dreams
Franco Vaccari e l’inconscio tecnologico fotografico
Le Verifiche di Ugo Mulas
Fotografia come ready made
E fotografia fu!
Oliviero Toscani
link correlati
Vanessa Beecroft
Vanessa Beecroft Lia Rummia Napoli
Andres Serrano: “The interpretation of dreams”
Andres Serrano
Serrano
La via crucis di un artista maledetto

roberto maggiori

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Roberto Maggiori
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Franco Vaccari, Oliviero Toscani, Roberto Maggiori, Rossi, Serrano, Ugo Mulas, Vanessa Beecroft
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram