Venezia, Massimo Grimaldi vince il Premio Furla 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/04/2019
Il Whitney Museum di New York mette online le risorse sulla sua biennale
20/04/2019
Le squadre della Eredivisie giocano a calcio con Rembrandt
19/04/2019
Whisky e arte a go go, nella nuova distilleria di Bob Dylan
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Venezia, Massimo Grimaldi vince il Premio Furla

   
   
 
pubblicato

Massimo Grimaldi - Coccoloba Club Valtur Immage Forced to Be Dependent - 2002La giuria internazionale del Premio Querini Stampalia FURLA per l’Arte IV Edizione, composta da: Zdenca Badovinac, Carlos Basualdo, Nuria Enguita, Michelangelo Pistoletto, Vincent Todolì, riunitasi alle ore 15,30 del giorno 11 aprile 2003 e presieduta da Chiara Bertola (senza diritto di voto) coadiuvata da Giacinto Di Pietrantonio (senza diritto di voto) e Angela Vettese (senza diritto di voto); alla presenza dei testimoni ha decretato come vincitore del Premio Massimo Grimaldi.

Questo Premio è stato assegnato a Grimaldi in riconoscimento del suo desiderio di non essere riconosciuto in quanto artista.
Nel suo lavoro è costante la possibilità di una lettura doppia e opposta: esso coinvolge l’aspetto sociale senza in effetti esprimerlo, anzi intendendo negarlo; vi coesistono inoltre forme autonome in tensione, con un’enfasi sul contesto che al tempo stesso sottolinea e rende problematico il ruolo dell’autore.

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Angela Vettese, Carlos Basualdo, Chiara Bertola, Giacinto di Pietrantonio, Massimo Grimaldi, Michelangelo, Michelangelo Pistoletto
 

12 commenti trovati  

26/06/2003
dottor kapra
ma perchè Grimaldi, se non vuole considerato artista, non prova a fare altro? Magari l'agricoltore?

13/05/2003
romacapoccia
Aooo a pensaa che me credevo io er polemico!
A li morteee e che modi sono questi, ma che pe caso ve sta a rode il virus della SARS?
E dateve na calmata, ma che scalmanati e che ve siete magnati? Me sembra d'essere ritornato sui banchi de scuola, quando se tiravano i cartoccetti ar professore...


13/05/2003
vito
criticon bidet e bar dello sport i vostri commenti sono finiti su arte mondadori di maggio (leggere per creder pag. 239): complimenti, un avvenire da critici d'arte :-)!

04/05/2003
ivano, brescia
almeno uno, uno che non si celebra come il nuovo vate, almeno uno che indica il re nudo, qualcuno che dei giochi si prende gioco, bravo Grimaldi, il mondo non è fatto di sole stelle ma anche di tramonti lunghi e terra da calpestare.


18/04/2003
laura
ma se non vuole essere considerato un artista perchè fa concorsi per artisti?
mah


14/04/2003
Giacometto
Che Bufo quel Bifo...

14/04/2003
Sonny, Italia
Divertente!!!!! Sembra la storia di Bibì Bibò e Capitan Cocoricò.

14/04/2003
alinovi, roma
bah, non penso sia quel bifo. Lui di solito se dice una cosa la giustifica con un intervento concreto.
Ma, qualcuno sa qualcosa di questo Grimaldi? Chi è, cosa ha fatto?
Dite, dite...


14/04/2003
interno3
bifo? quale bifo? ....quel bifo?


13/04/2003
Bar dello Sport
...i diritti civili, la GALERA altro che il diritto di voto toglierei a certa gente!!!

13/04/2003
bifo
lavoro di merda per un premio di merda

13/04/2003
Criticon Bidet
Coprox è un pezzo di merda che nega di esserlo. La sua assenza di odore (puzza e molto date retta) lascia intendere il suo desiderio di non essere riconosciuto in quanto pezzo di merda. D'altronde in tutto il suo lavoro è costante la possibilità di una lettura doppia e opposta: "merda pestata", "merda odorata". Una produzione che coinvolge quindi tanto la dimensione cerebrale quanto quella pedestre, con un’enfasi sul contesto che al tempo stesso sottolinea e rende problematico il ruolo dell’autore: ma chi l'avrà fatta?


Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram