fino al 15.VI.2003 - Pietroburgo e l’Italia (1750-1850). Il genio italiano in Russia - Rom... 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 15.VI.2003
Pietroburgo e l’Italia (1750-1850). Il genio italiano in Russia
Roma, Complesso del Vittoriano

   
 La città delle “Notti Bianche” e il talento italiano. Tra progetti di palazzi, scenografie sontuose, collezioni di opere d’arte. Ritratto di Pietroburgo, fondata 300 anni fa. A dieci gradi dal circolo polare artico... cristina del ferraro 
 
pubblicato
Una Pietroburgo fastosa e aristocratica quella che emerge dalle fantasie degli architetti che la progettarono. Quasi tutti italiani, chiamati in Russia da Pietro il Grande e dai suoi successori, per dotare di un volto classico e insieme sfarzoso la nuova capitale sulla Neva. Fondata nel 1703, a soli 10 gradi dal circolo polare artico, doveva costituire l’avamposto zarista sul Baltico, il contrasto splendente e minaccioso dell’impero all’avanzata svedese. Già nei primi decenni del Settecento le opere architettoniche di Trezzini diedero un saggio di quello che la città poteva diventare a contatto con i grandi modelli italiani; dalla metà del secolo in poi arrivarono Antonio Rinaldi, Francesco Bartolomeo Rastrelli e Giacomo Quarenghi a corredare di edifici vasily semenovic sadonvnikov, veduta del palazzo d sontuosi e imponenti chiese gli ambienti della città russa. Sono esposti al Vittoriano i progetti per i palazzi e i teatri che in cento anni cambiarono il volto del borgo sul baltico in quello ben noto di vera e propria capitale culturale dell’epoca. I disegni di Rastrelli (Palazzo d’Inverno della zarina Elisabetta, 1750 circa; L’Ermitage di Tsarskoe Selo,metà sec. XVIII) e Quarenghi (Teatro dell’Ermitage, 1780 circa; L’Accademia delle Scienze, 1780 circa); gli allestimenti scenici di Pietro Gonzaga, Giuseppe Valeriani e Carlo Galli Bibbiena, tutti caratterizzati da una fervida fantasia, tra rococò e neoclassico. L’esposizione si arricchisce di diverse vedute della città ad opera di artisti russi e dello svedese Petersson, molte provenienti dal Museo della Storia di San Pietroburgo così come i progetti architettonici. Una testimonianza dello splendore urbanistico e paesaggistico che la città pitreo antonio rotari, ritratto della contessa vorontsova, 1760 circa raggiunse dopo l’intervento dei maestri italiani; opere che raramente sono state esposte in Italia e che ci tramandano l’immagine di una Pietroburgo incantata e accattivante. Altri capolavori, arrivati dall’Ermitage, provengono dalle collezioni imperiali e nobiliari del tempo. Qui i nomi italiani sono altisonanti e rievocano l’epoca d’oro del Rinascimento italiano – Tiziano (anche se l’attribuzione è discussa), Palma, Bassano e il Garofalo – ma soprattutto rivelano i gusti del nuovo collezionismo, orientato verso i contemporanei: maestri del Settecento veneto come Pietro Antonio Rotari, Giovan Battista Pittoni e Francesco Fontebasso; ritrattisti come Stefano Torelli, le celebri vedute di Giovanni Paolo Panini; Pompeo Batoni e il visionario Alessandro Magnasco. Una mostra che mette in luce un aspetto delle relazioni artistiche tra i due paesi ancora non del tutto indagato e che corrisponde ad un capitolo importante della nostra storia culturale, quando le relazioni tra l’Italia e l’area baltica cominciarono ad infittirsi, accorciando sempre di più le distanze tra due mondi agli antipodi del continente europeo.

articoli correlati
Lifesize, la russia contemporanea, fotografata da Boris Mikhailov
Alexey Titarenko, le stagioni di Pietroburgo

cristina del ferraro
mostra visitata l’8 maggio 2003


Pietroburgo e l’iItalia
Complesso del Vittoriano, via San Pietro in Carcere (Fori Imperiali), 066780664, lun_gio 9.30 –19.30 ven_sab 9.30 – 23.30 dom_ 9.30 – 20.30, ingresso intero 5 euro, ridotto 4 euro, catalogo Skirà 25 euro


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di cristina del ferraro
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alessandro Magnasco, Antonio Rinaldi, Boris Mikhailov, Carlo Galli, Dem, Garofalo, Giacomo Quarenghi, Tiziano
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram