fino al 22.XI.2003 - Adel Abdessemed - Nuit - Milano, Galleria Laura Pecci 3117 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
09/12/2018
La storia della grafica dal XIX secolo ai giorni nostri, nei due nuovi volumi editi da Taschen
08/12/2018
Al Castello di Rivoli, Milovan Farronato e Carolyn Christov-Bakargiev ricordano Chiara Fumai
08/12/2018
Milano e Atene al primo posto nella classifica Airbnb delle città più creative
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 22.XI.2003
Adel Abdessemed - Nuit
Milano, Galleria Laura Pecci

   
 Il soffitto della galleria trasformato in un cielo di stelle. Ma, a guardarle meglio, sono fori di proiettile. E’ opera dell’artista franco-algerino, che continua ad indagare i contrasti del firmamento contemporaneo. In maniera, però, forse troppo estetizzante… Stefano Castelli 
 
pubblicato
Ancora una volta la galleria Pecci è occupata da un’installazione che trasforma lo spazio espositivo. Ma se Sisley Xhafa nella personale dell’anno scorso aveva operato per sottrazione, lasciando quasi completamente vuota la stanza principale, Adel Abdessemed orchestra un intervento totalizzante rispetto allo spazio.
Tutto il soffitto è occupato da lastre di metallo forate in maniera irregolare e attraverso i pertugi filtra una debole luce artificiale. Il posizionamento piuttosto ribassato delle lastre (incombono sulla testa del visitatore) permette una visione prospettica del soffitto posticcio: l’impressione immediata è quella di un cielo stellato. Se però si guarda con maggiore attenzione si scopre la natura di questi fori: sono fori di proiettile.
Abdessemed sembra voler dire che oggi, ragionando sui destini del mondo (quei pensieri ‘grandi’ che si fanno sotto un cielo stellato, appunto) non si può fare a meno di Adel Abdessemed pensare alla guerra.
L’artista, alla sua seconda personale presso la galleria e presente alla Biennale di Venezia 2003 nella “Zona d’Urgenza” curata da Hou Hanru, è nato trentadue anni fa in Algeria, nazione che ha lasciato nel 1994 per fuggire alla violenza che stava toccando anche la sua carriera artistica; si è così trasferito in Francia e ha ottenuto la doppia nazionalità. In seguito ha conosciuto le realtà di New York e Berlino, dove risiede attualmente.
Non a caso, quindi, nelle sue opere ricorrono i temi del conflitto fra culture, del razzismo e delle imposizioni sociali e politiche, ma soprattutto il tema dell’identità e della dignità spesso negata: nei suoi lavori precedenti (spesso performativi, molti anche i video, alcuni dei quali visionabili in galleria) il protagonista dell’opera è di volta in volta ridotto a spremiagrumi umano, a “Crisalide”, a fornitore di prestazioni sessuali, a ‘negro’ che ‘deve’ diventare bianco sotto una doccia di latte versato da una mano altrettanto bianca.
Tutti questi temi ‘pesanti’ sono però nella maggior parte dei casi solo oggetto di allusione e non di riferimento diretto, in una forse eccessiva anche se consapevole estetizzazione. E’ sicuramente il caso della “Notte” presentata in questa mostra: se l’opera risulta esteticamente affascinante e sufficientemente suggestiva, la delusione può essere quella di aver visto qualcosa di ‘bello’ ma poco pregnante, il cui ricordo scivola subito via al contatto con la città così intrisa (lei sì) dei problemi cari ad Abdessemed.

stefano castelli
mostra visitata il 18 ottobre 2003


Adel Abdessemed. Nuit
Galleria Laura Pecci
Via Bocconi, 9 - Milano
Tel. 0258430047
www.gallerialaurapecci.com
e-mail: galpecci@electraline.com  
Dal martedì al sabato, ore 10-13 e 15-19. Ingresso libero
Fino al 22 novembre 2003


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Stefano Castelli
vedi calendario delle mostre nella provincia Milano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Adel Abdessemed, Hou Hanru, Pecci, Sisley Xhafa, Stefano Castelli
 

1 commento trovato 

26/10/2003
alex
Non direi proprio che appena usciti della mostra il ricordo di essa scivoli via! Anzi penso spesso al momento spiazzante che ho avuto quando dall'illusorio cielo stellato ho percepito i fori come colpi d'arma da fuoco...

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram