fino al 6.III. 2004 - Bianco-Valente – Time Based - Napoli, Galleria Alfonso Artiaco 3117 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 6.III. 2004
Bianco-Valente – Time Based
Napoli, Galleria Alfonso Artiaco

   
 Immagini mentali distorte e allucinate, prodotte dall’uso della droga o dal sedimentarsi del tempo e dei ricordi. Sono alla base dei video e delle fotografie presentati in questa mostra. Summa delle recenti ricerche della coppia di artisti napoletani. Dove l’elettronica dà vita a un sogno dai contorni sfocati… Maya Pacifico 
 
pubblicato
Un paesaggio mentale (mind landscape) lungo quanto un sogno, ma potrebbe essere un attimo elettronico. Interviene con un segno quasi inedito di smarrimento. Osservandolo si tenta di riconoscerlo come un viaggi onirici, un ricordo registrato e poi dimenticato che risale alla superficie corticale. L’immaginario umano non catalogabile al di fuori degli schemi della ragione ha una base comune in cui ognuno inscrive il proprio apparato percettivo. La coppia Bianco-Valente descrive un viaggio nel delirio immaginario ed elettronico della mente, visualizzando -senza uso di effetti speciali- il funzionamento dei gangli neuronali del cervello.
Se il problema di Wim Wenders nel film Fino alla fine del mondo era quello di dare corpo all’immagine dei sogni (e il film è un frammento sognato e poi riprodotto), per i due artisti la tecnologia viene utilizzata per dare un immagine visibile ai ricordi. La memoria viene rappresentata dal computer come “il punto” di materia elettronica con cui ridisegnare a piacere e muovere le immagini sedimentate. Cellule di luce comeBianco-Valente Veduta Parziale della Mostra ipotetico inizio del fenomeno percettivo, quasi un aprirsi dell’occhio ai primi bagliori del risveglio, vanificazione dell’oscurità dinamica dello sguardo, come in “Mindscape Dwellwers” (2001) o in “Deep Blue Ocean of Emptiness” (2002). Invece “Slow Brain” (2001) era ispirato agli esperimenti sulle droghe condotti da Albert Hofmann.
La telecamera dà il modo di fissare l’attimo, la tecnologia introduce un nuovo elemento nella riflessione sul tempo. Se il tempo ha un’unica realtà, quella dell’istante, l’idea di tempo che si riferisce a una prospettiva, a una durata composta da istanti senza durata, viene annullata dalla velocità, dalla rapida trasmissione di dati che atrofizza il concetto di istante. Per questo la riflessione sul tempo, portata avanti da Bianco-Valente, ha un importanza fondamentale nel rapporto tra le tecnologia elettronica e la sua applicazione nell’arte contemporanea.
Nel nuovo progetto ideato per la Stazione della Metropolitana di Genova e ancora in fase di allestimento, il processo percettivo si rivolge alle forme di vita artificiale e alla sua evoluzione. Verrà usata una tecnologia sofisticatissima e un programma ideato appositamente per lo scopo. In una delle proiezioni in mostra intitolata “I should learnBianco-Valente - Uneuclidean Pattern for you”, sulla trama astratta e vibrante dei pixel si inserisce una scena reale: un uomo fa volare un aquilone e l’immagine appare in maniera impercettibile, come in un flash di una frazione di secondo con effetto subliminale. In un'altra (“Uneuclidean pattern”), il vento smuove incessantemente un mare di spighe di frumento. Il colore è saturo, virato e distorto dall’uso di filtri. Tutta la memoria e il senso si riversano e addensano sulla sagoma incerta delle cose che sono solo la parvenza affiorata a farsi vedere. L’occhio è per così dire dentro l’immagine, ne è una sua molecola, è dentro il paesaggio mentale che è contaminazione assoluta del visibile e dell’immateriale.

articoli correlati
Bianco Valente – unità minima di senso 2002
l’intervista a Bianco Valente
La personale da Antonella Nicola

maya pacifico
mostra visitata il 20 dicembre 2003


GALLERIA ALFONSO ARTIACO
Piazza dei Martiri 58 (80121 - Napoli)
+39 0814976072 (info), +39 08119360164 (fax)
info@alfonsoartiaco.com
www.alfonsoartiaco.com
orario: lunedì al sabato, ore 10,00-13,00 e 16,00-20,00


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Maya Pacifico
vedi calendario delle mostre nella provincia Napoli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Albert Hofmann, Alfonso Artiaco, Bianco-Valente, Maya Pacifico, Wim Wenders
 

3 commenti trovati  

21/02/2004
Ottonello Giordano, Anagni
Più che le immagini distorte e allucinate mi sa che è questa recensione frutto dell'uso inconsulto della droga.
E a giudicare dai risultati direi pure che è roba di scarsa qualità.
MAYA... cambia pusher!!


08/02/2004
Piero, Napoli
l'articolo di Maya Pacifico?...??indecifrabile, confusionario e atteggiante ...frasi e pensieri sconnessi...spero che non figuri nei libri paga della redazione EXIBART...!!!

25/01/2004
Carmen Festinese, Napoli
Il segno in quanto tale evoca immagini nella mente di ognuno. Non necessariamente si rappresentano come distorsioni ad una prima osservazione. Ognuno elabora il contenuto recepito secondo la propria cognizione del vissuto.
Carmen


trovamostre
@exibart on instagram