fino al 9.I.2005 - Invisibile - Siena, Palazzo delle Papesse 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/06/2019
Sull’isola di Than Hussein Clark con Catherine David. Talk da KURA
20/06/2019
Le proiezioni sui monumenti di Londra per promuovere il nuovo album di Thom Yorke
20/06/2019
La pistola con cui si uccise Vincent van Gogh è stata venduta all'asta
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 9.I.2005
Invisibile
Siena, Palazzo delle Papesse

   
 Installazioni interattive, giardini da ascoltare, confini fatti solo di luce e di suono, idoli da adorare su uno schermo al plasma. Convinzioni e percezioni continuamente ribaltate. Per parlare ancora una volta di virtuale... emanuela zilio 
 
pubblicato
Invisibile è ciò che sfugge ai nostri sensi primari, ciò che appartiene ad un’altra dimensione, ma che in qualche modo percepiamo. Curatori, conservatori e archivisti sono molto più vicini –secondo Bruce Sterling- a questa consapevolezza, al senso del tempo e del futuro, all’invisibile: esponendo, catalogando e preservando l’arte, essi infatti vengono a contatto con oggetti del passato e del presente che altri nel futuro faranno propri.
Il Palazzo delle Papesse di Siena propone con questa consapevolezza Invisibile, a cura di Emanuele Quinz, una mostra che annovera nomi eccellenti: David Rokeby, Jeffrey Shaw, Marcos Novak, Antoine Schmitt, Jean-Louis Boissier, Akitsugu Maebayashi, HeHe, Cristobal Mendoza, Olafur Eliasson.
Invisibile è una mostra da affrontare con passo leggero e con po' di tempo a disposizione: è un esplorazione degli spazi, quelli museali -i grandi saloni affrescati quasi completamente vuoti- e quelli delle opere, spazi invisibili, virtuali, imprevedibili.
Il tema dei sensi è mediato, volontariamente, e il visitatore si riappropria della scena, smettendo la posizione di osservatore fuori campo e interagendo con le opere. La tecnologia digitale rappresenta un tramite preferenziale verso questa dimensione di confine della percezione.
SHAW_Golden_calf
Con queste premesse, Eliasson scoordina i riferimenti cartesiani dello spazio e del tempo, ipnotizzando il visitatore nella nuova dimensione di Uncertain Museum. Meabayashi presenta al pubblico Radio Room, un’esperienza lunga 20 minuti, da gustare in un ambiente costruito con la stessa cura di un giardino giapponese.
Novak crea Invisibile City, un stanza quiescente nella quale l’interazione del visitatore –pur involontaria- attiva e conforma confini di luce e di suono soggettivi. L’invisibilità sperimentata si avvicina in quest’esperienza ad una vera e propria percezione architettonica alla quale fa eco Golden Calf di Shaw. L’architettura è visibilissima in questo caso, tanto da permettere di apprezzare i soffitti finemente affrescati del palazzo, seppur indirettamente, dalla superficie riflettente del vitello d’oro. È un nuovo tipo di idolatria quella che propone Shaw, perché sul basamento dedicato all’opera il vitello non c’è. Eppure l’immagine tridimensionale che campeggia nello schermo a cristalli liquidi è così reale da indurre il visitatore a spostare e rispostare il supporto per verificare l’esistenza fisica dell’oggetto.
La chiarezza del linguaggio della tecnologia, quello binario, permette che l’attenzione si sposti dalla forma al flusso di relazioni; il linguaggio strutturato lascia il posto alla visione, all’ascolto e alla sensazione tattile. Le opere raccolte in Invisibile presentano il paradigma della virtualità come percezione fisica e psicologica. E l’output è imprevedibile, tanto quanto l’approccio ad uno spazio artistico variabile, algoritmicamente organizzato.

emanuela zilio e filippo petrecca


Invisibile
a cura di Emanuele Quinz
Palazzo delle Papesse, via di Città 126 (centro storico), www.papesse.org , info@papesse.org +39057722071
Mar_dom 12.00-19.00. Chiuso il lunedì biglietti: Intero: 5 euro Ridotto: 3,50 euro
Catalogo: Gli Ori editori contemporanei, Prato


[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di emanuela zilio
vedi calendario delle mostre nella provincia siena
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Bruce Sterling, David Rokeby, Eliasson, Emanuele Quinz, Jeffrey Shaw, Marcos Novak
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram