fino al 21.VIII.2005 - Giappone. L’Arte del mutamento - Genova, Palazzo Ducale e Museo Ch... 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
17/07/2019
Nuova vita per il World Trade Center, che riparte con un Centro d’Arti Performative
16/07/2019
Riaperte al pubblico due delle piramidi più antiche d’Egitto
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 21.VIII.2005
Giappone. L’Arte del mutamento
Genova, Palazzo Ducale e Museo Chiossone

   
 Dopo il 2004, l'ex Capitale Europea della Cultura guarda all'Oriente. Nel 2005, Genova propone mostre dedicate al Giappone dal Medioevo ad oggi... Valentina Caserta 
 
pubblicato
Conclusa felicemente l'esperienza del 2004, l'anno come Capitale Europea della Cultura, nel 2005 Genova si volge a Oriente. Un altro anno tematico quindi, con un nuovo filo conduttore che sviluppa mostre e iniziative in diverse sedi: il Giappone . Il 2005 inaugura un lungo, corposo progetto che consolida il rapporto artistico e culturale tra il Giappone e il capoluogo ligure, sede di uno dei maggiori musei d'arte orientale europei, il Museo Chiossone, cardine dell'esperienza. Dal 2005 al 2007 sono previste mostre e iniziative dedicate al Paese del Sol Levante, in un complesso ciclo di eventi per approfondire come l'arte, la storia e la cultura del Giappone si siano sviluppate dal Medioevo ad oggi.
L'arte del mutamento, infatti, non è solo un titolo ma una vera e propria chiave di lettura del progetto: la cultura giapponese ha conosciuto nei secoli l'influenza di altre culture, dal controverso, millenario rapporto con la Cina all'impatto con il cristianesimo, alle più recenti relazioni con gli Stati Uniti, durante e dopo la Seconda Guerra Mondiale, per citare solo gli esempi più noti.
Scrive Gian Carlo Calza, curatore del progetto, che quando il Giappone si confronta con altre realtà cerca di farle proprie, “ne fa spesso grandi indigestioni che fanno temere per la perdita di sé. Ma poi risorge sempre arricchito dai frutti dell’incontro, talvolta anche scontro, con quelle realtà diverse”. Per questo, il progetto triennale “ha per fondamento la trasformazione vista attraverso l’arte. Trasformazione nel senso del passaggio da un tipo di società a un’altra, dell’accelerazione e intensificazione dei rapporti, dell’approfondimento, della messa a confronto ed esaltazione delle differenze culturali.” Un'idea che in questo primo anno si concretizza al Museo Chiossone con Acqua Fuoco Luce Fiori - Bronzi dall’Antichità al XIX Secolo e con un percorso espositivo che racconta la vita dell'ambasciatore genovese, e a Palazzo Ducale in quattro mostre diverse, contemporanee e in qualche modo complementari.
Capolavori dal Museo Chiossone. Stampe e dipinti Ukiyoe propone centocinquanta opere dal '600 alla metà dell'Ottocento, per raccontare attraverso le opere d'arte la società giapponese nei due secoli precedenti le grandi trasformazioni del 1854, con la crisi del sistema feudale, l'apertura del Paese all'estero, i profondi cambiamenti sociali e la conseguente rivoluzione del gusto e dell'arte. Avvolti nel mito. Tessuti e costumi fra Settecento e Novecento dalla collezione Montgomery parla invece di cambiamenti più recenti, relativi alla storia del costume a cavallo tra Ottocento e Novecento, e testimonia l'influenza delle nuove tecniche e l'intrecciarsi dei nuovi motivi iconografici agli stili classici. Manifesti d’artista. 1955-2005 raccoglie seicento opere di grafici di diverse generazioni: manifesti che tracciano un percorso, a partire idealmente dalla tradizione della grafica nazionale, l’ukiyoe (il mondo fluttuante), che compone per immagini un ritratto in progress del Giappone negli ultimi cinquant'anni.
Hiroshima-Nagasaki. Fotografia della memoria, nel sessantesimo anniversario, descrive il calvario delle due città distrutte dalle bombe atomiche. E, con un'installazione dedicata alla piccola Sadako e alle sue gru di carta, racconta con poesia il dolore e il ricordo.

articoli correlati
Genova guarda a Oriente. Tre anni di manifestazioni dedicate al Giappone
L'Anima d'Oro di Shu Takahashi al Chiossone

valentina ottone caserta
mostra visitata il 16 giugno 2005


Giappone. L’Arte del mutamento
progetto a cura del professor Gian Carlo Calza
primavera-estate 2005-2006-2007

2005 - Mostre

"Stampe e dipinti. Capolavori dal Museo Chiossone", a cura di Donatella Failla
"Avvolti nel mito. Tessuti e costumi fra Settecento e Novecento dalla collezione Montgomery", a cura di Annie M. van Assche
"Manifesti d’artista. 1955-2005", a cura di Gian Carlo Calza
"Hiroshima-Nagasaki - fotografie della memoria", a cura di Rossella Menegazzo e Ono Philbert

Genova, Palazzo Ducale - piazza Matteotti, 9
tel. 0105574047 - fax 0105574001
www.palazzoducale.genova.it

"Acqua Fuoco Luce Fiori - Bronzi dall’Antichità al XIX Secolo", a cura di Donatella Failla
Genova, Museo Chiossone - villetta Di Negro, piazzale Mazzini, 4N
tel. 010542285 - www.museochiossonegenova.it
e-mail: museochiossone@comune.genova.it
 

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Valentina Caserta
vedi calendario delle mostre nella provincia Genova
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Gian Carlo Calza, Rossella Menegazzo, Shu Takahashi
 

1 commento trovato 

21/06/2005
Mary
Sono andata a visitare la mostra perchè ero a Genova per altri motivi. Ho trovato sia il Chiossone che la parte a palazzo Ducale interessante (in particolare i tessuti, veramente molto belli e insoliti), ma il tutto vale veramente solo se si unisce alla visita della città di Genova, veramente fantastica dopo il totale rinnovamento degli ultimi anni.

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram