fino al 2.X.2005 - Fernando Botero – Gli ultimi quindici anni - Roma, Palazzo Venezia 3062 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/07/2019
Il viaggio dentro e fuori di te, per il prossimo manifesto di Flashback Opera Viva a Torino
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 2.X.2005
Fernando Botero – Gli ultimi quindici anni
Roma, Palazzo Venezia

   
 I quadri di Fernando Botero tornano a Roma. Un’ampia antologica che vede accanto ai quadri più tradizionali, cinquanta opere di denuncia. Contro l’inferno di Abu Ghraib... Consuelo Valenzuela 
 
pubblicato
Di fronte ad una platea gremita di flash e di giornalisti, Fernando Botero (1932, Medellín) ha risposto alle domande che il Sovrintendente Claudio Strinati gli ha posto in merito ai quadri esposti a Palazzo Venezia. Il pittore colombiano ha prima di tutto riconosciuto i debiti della sua pittura nei confronti dell’arte fiorentina del Rinascimento. A vent’anni, durante un viaggio in Italia, rimase folgorato dalla pittura di Giotto, Masaccio e Michelangelo. Dalla loro idea di spazio e di volume. “Il volume è un’esaltazione della vita. L’arte deve essere sensuale e dare piacere. E il volume è sensualità” afferma sorridente davanti al suo auditorio. Secondo Botero, l’idea che l’arte debba dare piacere è un’idea tabù nell’arte contemporanea, dove spesso l’opera è rivolta ad una ristretta cerchia di addetti ai lavori.
Sono 170 le opere che Botero ha selezionato per questa mostra romana. Quadri di grandi dimensioni, disegni e sculture che illustrano il suo mondo personale, fatto di personaggi e ambienti tipicamente sudamericani: le atmosfere colorate e luminose che conosciamo e che fanno parte del suo repertorio. Corride di tori, persone a passeggio nei vicoli dei villaggi, uomini e donne che danzano, ritratti, scene di quella vita tranquilla di provincia che Botero ha conosciuto durante i suoi primi vent’anni di vita a Medellìn.
Accanto a questo mondo idilliaco e tranquillo, si affiancano l’orrore e la disperazione dipinti nelle cinquanta opere dedicate ad Abu Ghraib. I prigionieri del carcere iracheno sono descritti in tutta la drammaticità della loro condizione. Seminudi, legati, bastonati o torturati. I disegni e i quadri trasudano lo sdegno e la volontà di denuncia del loro autore per un’ingiustizia e una violenza intollerabili.

Botero racconta come la volontà di denunciare le atrocità commesse ad Abu Ghraib sia nata da un articolo letto sul New Yorker (il primo a riportare la notizia) cui sono seguiti tanti articoli pubblicati su vari giornali americani. Interrogato sul perché della scelta d’illustrare la violenza di Abu Ghraib piuttosto che quella commessa in tante altre parti del mondo, Botero ha sottolineato come a suo avviso, le vicende di Abu Ghraib siano particolarmente efferate, in quanto perpetrate dallo stato più ricco e potente del mondo, uno stato che ha la cultura e gli strumenti per impedire dei simili orrori. Come Picasso già fece con Guernica, dipinta nel pieno della guerra civile spagnola per denunciare le atrocità della guerra, Botero sembra ribadire oggi il valore dell’impegno civile nella sua arte.

articoli correlati
Da Picasso a Botero. Capolavori dell’arte del Novecento
Fernando Botero. Il pittore dell’improbabile
Intervista a Fernando Botero

consuelo valenzuela
mostra visitata il 15 giugno 2005


fino al 2.X.2005 - Fernando Botero – Gli ultimi quindici anni - Roma, Palazzo Venezia - Orario 10.00-19.00 - lun. chiuso - Biglietto 8 euro intero - 5 euro ridotto - Informazioni tel. 06.32810 - Mostra promossa dal Polo Museale Romano e dalle gallerie Contini di Venezia e Benucci di Roma - Catalogo de Luca Editori d’Arte con introduzione di Claudio Strinati e Walter Veltroni

[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Consuelo Valenzuela
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Claudio Strinati, consuelo valenzuela, Fernando Botero, Giotto, Masaccio, Michelangelo, Picasso, Walter Veltroni
 

1 commento trovato 

16/08/2005
Maria Pezzica, Reggello(FI) - Italia
http://xoomer.virgilio.it/bpdwbe/Index.htm
Articolo molto interessante che ci fa conoscere molte cose in merito alle opere di denuncia di Fernando Botero.
L'inferno di Abu Ghraib è dipinto con arte, fa "vedere" il dolore e le ingiustizie unite a malvagità.


Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram