fino all’8.I.2006 - Michelangelo Pistoletto e Cittadellarte - Modena, Palazzina dei Giardini 3059 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino all’8.I.2006
Michelangelo Pistoletto e Cittadellarte
Modena, Palazzina dei Giardini

   
 Amare le differenze. E’ questo lo slogan di Michelangelo Pistoletto e della sua Fondazione. Che mette in scena la mensa delle culture. Sei grandi tavoli con la forma dei diversi mari attorno a cui sedersi e parlare... francesca baboni 
 
pubblicato
Dalla Pop Art alla geopolitica. La mostra che apre la nuova stagione della Galleria Civica sotto la direzione di Angela Vettese cambia completamente prospettiva, proponendo l’arte come mezzo per sollecitare tolleranza e responsabilità sociale, come mezzo per accogliere il diverso. Il progetto di Michelangelo Pistoletto (Biella, 1933) e Cittadellarte di Biella, che prende spunto dall’intervento all’Isola di San Servolo realizzato per la Biennale di quest’anno, è stato concepito appositamente per gli spazi della Palazzina dei Giardini.
In che consiste l’intervento? Attraverso la forma di un’estesa mensa culturale, disegna una nuova geografia costituita da topoi, luoghi non soltanto fisici ma anche mentali, àmbiti fluttuanti l’uno accanto all’altro. Sei tavoli sagomati -a forma di sei diversi mari- invitano a sedersi. Su ognuno ci si può specchiare e si può interagire con gli altri, divertendosi a riconoscere gli stati e scambiandosi opinioni. Sei mari di collegamento tra le terre –Mar Rosso, Mar Nero, Mar Mediterraneo, Mare del Sud della Cina, Mar Baltico, Mar di Carabi- che diventano, secondo le parole dello storico Fernand Braudel, “mari solidi”. E dunque mense, tavoli, luogo di scambio e relazione.
Michelangelo Pistoletto (2003), ‘Tavolo Love Difference’, 700x900 cm, specchio e legno; sedute dei diversi paesi del Mediterraneo
Mari attorno ai quali il mondo sta cambiando, a partire dal nostro Mediterraneo, in un’emergenza geografica che non si può più tralasciare. La zona mediterranea è caratterizzata dalla superficie a specchio, crogiuolo di tensioni multietniche, dove le culture s’incontrano e si riflettono simbolicamente. Nelle altre stanze superfici ricoperte da carta da spolvero, sabbia, e ancora ardesia con lavagne su cui scrivere, giornali provenienti dai diversi Paesi e infine gesso colato. Tavoli accompagnati da riccioli-sgabelli di cartone sui quali sedersi, composti da materiale biodegradabile, ognuno dei quali descrive con un adesivo uno dei luoghi delle geografie della trasformazione, progetto che mira a creare una rete di relazioni tra organizzazioni pubbliche e private. Le mense sono raggiungibili attraverso porte architravate, soglie concepite come luoghi disciplinari in cui si entra in senso metaforico in un determinato contesto, dall’area della comunicazione a quella dell’economia e della politica, architravi mentali interagenti fra loro, composte da scritte che rimandano ai vari uffici situati all’interno dell’organismo complesso di Cittadellarte.
Michelangelo Pistoletto (2003), ‘Tavolo Love Difference’, 700x900 cm, specchio e legno; sedute dei diversi paesi del Mediterraneo
Parole legate alle articolazioni in cui si divide la struttura –nutrimento, politica, produzione, economia, lavoro, spiritualità, educazione- riportate come concetti mentali elastici e nutrimento d’idee. Love difference punta al reale. Alla com-partecipazione e connessione delle differenze culturali. Ma anche al com-patirle, nel senso latino del termine, nel senso di farle convivere insieme, come valore. Perché attraverso l’arte e una coscienza educata all’etica si può veramente contribuire a una trasformazione responsabile della società. Come afferma lo stesso Pistoletto a proposito di Cittadellarte “c’è un’opera che qui si sta facendo, un’opera che non può più realizzare un artista da solo, ma nemmeno uno scienziato, un economista, un filosofo, un politico, un sociologo o un prete da solo. E’ un’opera che si fa insieme: si chiama civiltà. Qui siamo nell’atelier, nello studio, laboratorio di quest’arte.”

articoli correlati
Venezia, all’isola si torna a scuola. Ancora iniziative a San Servolo
Il Dipartimento Educazione Castello di Rivoli al Festivaletteratura con Michelangelo Pistoletto

link correlati
www.cittadellarte.it

francesca baboni
mostra visitata il 14 settembre 2005


Michelangelo Pistoletto e Cittadellarte - La mensa delle culture
a cura di Angela Vettese
16 settembre-8 gennaio 2006 - Palazzina dei Giardini, c.so Canalgrande, Modena - Prodotta da Galleria Civica di Modena, Fondazione Cassa di Risparmio di Modena
Orari : da martedì a venerdì 10,30-13,00; 15,00-18,00- sabato, domenica e festivi 10,30-18,00
25, 26 dicembre 2005 e 1 gennaio 2006 aperto 15,00-18,00 - chiuso il lunedì
Ingresso € 5,00, ridotto € 2,50 biglietto unico per le mostre “Michelangelo Pistoletto e Cittadellarte. La Mensa delle Culture.”, alla Palazzina dei Giardini e “Melina Mulas. Il Terzo occhio”, a Palazzo Santa Margherita gratuito per minori di 18 anni e maggiori di 60 - giovedì ingresso gratuito Il 15 ottobre, Giornata del Contemporaneo, ingresso gratuito
Ufficio Stampa Studio Esseci, info@studioesseci.net, tel 049/663499
Informazioni Galleria Civica, c.so Canalgrande 103, 41100 Modena.
Tel. 059 2032911/2032940 - fax 059 2032932
www.comune.modena.it/galleria - Ufficio Stampa tel. 059 203 2883, e-mail galcivmo@comune.modena.it

Il catalogo della mostra, un libro d’Artista in fogli d’alluminio redatto in 500 copie, coedito da Corraini e da Fondazione Pistoletto Onlus, verrà presentato il 15 ottobre alle ore 18 durante la Giornata del Contemporaneo promossa dall’AMACI ( Associazione Musei D’Arte Contemporanea Italiani).


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di francesca baboni
vedi calendario delle mostre nella provincia Modena
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Angela Vettese, Fondazione Pistoletto, Francesca Baboni, Melina Mulas, Michelangelo, Michelangelo Pistoletto
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram