fino al 5.III.2006 - Federico Zandomeneghi - Roma, Chiostro del Bramante 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
24/06/2019
Creare un'opera in galleria. A Parma il secondo appuntamento di ART in PROGRESS
24/06/2019
A Lucca torna LuBi, la Biennale internazionale della carta. Aperte le iscrizioni per partecipare all’evento
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 5.III.2006
Federico Zandomeneghi
Roma, Chiostro del Bramante

   
 Il più parigino degli italiani di Francia. Tra donne, nature morte e pittura en-plein air. Circa cento opere del veneziano Zandomeneghi. Amico di Degas e Toulouse-Lautrec... Consuelo Valenzuela 
 
pubblicato
Italiano di nascita, ma parigino di adozione, Federico Zandomeneghi è stato un protagonista dell’effervescente vita francese di fine Ottocento. Assieme a De Nittis e Boldini, forma la triade di artisti italiani a Parigi: les italiens de Paris. Un gruppo che si muoveva all’interno della cultura impressionista, dando un importante contributo al successo dell’arte francese.
Nato a Venezia nel 1841, dopo gli studi all’Accademia delle Belle Arti partecipa attivamente alla vita politica italiana, arruolandosi molto giovane con Garibaldi. Dopo una permanenza a Firenze, in cui frequenta l’ambiente dei macchiaioli che si riunivano al Caffè Michelangelo, si trasferisce definitivamente a Parigi nel 1874. Al contrario di De Nittis, che manterrà sempre i rapporti con l’Italia, Zandomeneghi restò legato esclusivamente al mondo parigino tutta la vita, intessendo dei rapporti di amicizia con Degas, Toulouse-Lautrec, Renoir e Gauguin.
La mostra presenta circa 100 opere tra dipinti e pastelli, accompagnati da una trentina di disegni, e inaugura la serie intitolata Grandi Artisti Italiani. L'esposizione non si suddivide cronologicamente, ma secondo i temi che riguardano i soggetti preferiti dall’artista. Tra questi primeggia la figura femminile, molto presente nelle sue pitture che risentono anche del mestiere di figurinista che faceva per vivere e di cui l’artista parlava con scarsa considerazione.
Federico Zandomeneghi, Il risveglio
La mostra si apre con un quadro italiano, I poveri sui gradini del Convento dell’Aracoeli del 1872: una grande tela che esprime la partecipazione accorata dell’autore verso gli strati sociali più deboli. I suoi primi quadri furono infatti ispirati al cosiddetto “realismo sociale”, derivato dalle teorie di Pietro Selvatico che propugnava di “entrare nelle chiese, negli ospedali, nelle officine per ricercare il vero nella semplicità”. Ci sono poi i celebri quadri parigini che non rappresentano la capitale elegante e sofisticata celebrata da De Nittis e da Boldini, ma il quartiere bohémien per eccellenza: Montmartre. Quartiere dove l’artista viveva accanto a Toulouse-Lautrec e all’artista e modella Suzanne Valadon. Altri temi della mostra? L’attenzione dedicata da Zandomeneghi alle nature morte e alle pitture di fiori (Il bouquet di fiori o Piatto con pesce), oltre che agli esterni, come il celeberrimo Moulin de la Galette.

articoli correlati
De Nittis. Impressionista italiano
Degas e gli italiani di Parigi

consuelo valenzuela
mostra visitata il 10 dicembre 2005


Zandomeneghi. Un veneziano tra gli impressionisti
5 novembre/5 marzo 2006 - Roma, Chiostro del Bramante, Via della Pace - Orario: tutti i giorni 10.00-20.00 - Sabato 10.00-24.00 - Domenica 10.00-21.30 - Lunedì chiuso - Ingresso Intero 9 euro - Ridotto (il martedì per tutti) 7 euro - escluso i festivi - Catalogo edito da Mazzotta


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Consuelo Valenzuela
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Boldini, Bramante, consuelo valenzuela, De Nittis, Degas, Dem, Gauguin, Michelangelo, Pietro Selvatico, Renoir, Toulouse-Lautrec
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram