fino al 29.X.2006 - Girolamo Romanino - Trento, Castello del Buonconsiglio 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
community
L'altra metà dell'arte
La lavagna
Il Reportage
Reading room
Reading Room
Focus su/Il museo
recensioni
rubriche
argomenti
classifiche
acuradi...
curator parade
antidoping
artist parade
cerca persone
notizie recenti

fino al 29.X.2006
Girolamo Romanino
Trento, Castello del Buonconsiglio

A quarant’anni dall’ultima –e unica- mostra dedicata al Romanino, un articolato percorso espositivo che ha come scenario il più vasto e celebre dei suoi cicli affrescati nel castello di Trento…
pubblicato martedì 5 settembre 2006
Dai pianoforti all’archeologia, dal gotico internazionale agli orologi d’epoca, il Castello del Buonconsiglio si riconferma con questa esposizione (da molti considerata tra le mostre-evento dell’estate), come una delle più interessanti sedi espositive del nord Italia. Infatti il percorso, che dopo quarant’anni torna a proporre uno degli artisti più singolari del Rinascimento, Girolamo Romanino (Brescia, 1485 – 1560), è decisamente mozzafiato, e ripercorre con attenzione filologica e piacevolezza estetica il dipanarsi dell’evolversi stilistico dell’artista fin dai suoi esordi giovanili.
Negli anni di formazione il Romanino subì inizialmente l’influsso della pittura veneziana di Giorgione e Tiziano, ma presto se ne affrancò, alla ricerca di soluzioni del tutto personali, anticlassiche, irrequiete. Questo passaggio è segnato dall’interesse per la grafica tedesca che Romanino saccheggiò con discrezione derivandone il pathos, la rinuncia ad ogni idealizzazione, lo sguardo umorale, talvolta al limite del grottesco; inquietudini condivise anche da Altobello Melone, singolare artista in stretti rapporti col Romanino. La fase successiva è segnata da un generale stemperamento dei toni, soprattutto nelle opere religiose, come la Messa di Sant’Apollonio, forte d’una quotidianità tutta lombarda, vicina al Moretto, a Lorenzo Lotto e a Girolamo Savoldo, artisti tutti testimoniati nel percorso.
I modelli tizianeschi, affrancati dall’aspetto più formale, non smetteranno comunque di suscitare interesse nel Romanino, specie a partire dal 1522, quando Tiziano realizzò a Brescia il celebre Polittico Averoldi. Quest’opera venne presa a modello per la Resurrezione della parrocchiale di Capriolo, una delle opere più note del Romanino, emblematico punto di equilibrio tra modelli aulici e umori lombardi: si guardino le figure Girolamo Romanino, Resurrezione, 1523-1525 circa dei soldati, che più che addormentati sembrano reduci da un lauto banchetto innaffiato di vino; si guardi infine il volto stesso del Cristo, pescato anch’esso in una qualunque osteria del Cinquecento. Sentimenti tutt’altro che sacrileghi, volti piuttosto a una religiosità sentita e patita, come dimostrano numerose altre opere, dall’Ecce Homo di Hannover al Cristo crocifisso della Tosio Martinengo, in cui una Maddalena popolana, allucinata dal dolore, mostra cagnesca i denti.
A inframmezzare l’intenso percorso è posta una sezione dedicata alla grafica: si tratta di delicati disegni, per lo più profani, da intendersi non come studi preparatori, bensì come opere compiute. Dal piccolo formato si passa così alle vertigini delle ante d’organo, grandiose e dipinte anche sul recto. L’apice della maestosità si tocca però con il più intenso e celebre dei cicli profani del Romanino, eseguito al Buonconsiglio tra 1531 e 1532 su committenza del principe-vescovo Bernardo Cles: il ciclo testimonia un’assidua attività di freschista che vide impegnato l’artista in numerosi cantieri, soprattutto in area bresciana.

articoli correlati
Il Cinquecento lombardo a Milano
Tiziano e il ritratto di corte
Guerrieri, principi ed eroi al Buonconsiglio

duccio dogheria
mostra visitata il 28 luglio 2006


Romanino. Un pittore in rivolta nel Rinascimento italiano
a cura di Lia Cammerlengo, Ezio Chini, Francesco Frangi e Francesca de Gramatica
Trento, Castello del Buonconsiglio, via Bernardo Clesio 5
mar-dom 10.00-18.00 - ingresso intero € 6,00, ridotto € 3,00, scuole gratuito, visite guidate € 1,00 (ore 11, 14.30 e 16) - Catalogo Silvana Editoriale
tel. 0461.233770, didattica 0461.492811
info@buonconsiglio.it - www.buonconsiglio.it


[exibart]

speed-news
  Exibart.
   Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Firenze con il n. 5069/01.
   Direttore Editoriale e Direttore Responsabile: Adriana Polveroni
   Direttore Commerciale: Federico Pazzagli - f.pazzagli@exibart.com - adv@exibart.com - Fax: 06/89280543
   Amministrazione: amministrazione@exibart.com - Fax: 06/89280277