fino all’11.III.2007 - Willem de Kooning - Roma, Museo Carlo Bilotti 3053 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
17/07/2019
Nuova vita per il World Trade Center, che riparte con un Centro d’Arti Performative
16/07/2019
Riaperte al pubblico due delle piramidi più antiche d’Egitto
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino all’11.III.2007
Willem de Kooning
Roma, Museo Carlo Bilotti

   
 Secondo appuntamento al romano Museo Bilotti. Protagonista un de Kooning inedito. Quello dell’ultimo periodo, meno conflittuale e aggressivo, più luminoso e poetico. Una mostra che viene dal freddo... manuela de leonardis 
 
pubblicato
L’amatore già avvezzo ai rudi strapazzamenti dell’espressionista astratto potrà forse restare deluso, a tutta prima, di fronte a questo allentarsi dei segni,”, avverte Maurizio Calvesi. “Come fosse un indizio di sopravvenuta debolezza.” Segue un’esplicita esortazione a lasciarsi andare al respiro pacato -pervaso di autentica felicità- delle grandi tele esposte al Museo Bilotti, in occasione della mostra Willem de Kooning. Late Paintings. L’artista le dipinse tra il 1981 e il 1988, prima di mettere definitivamente da parte i pennelli.
Olandese di Rotterdam, Willem de Kooning (1904-1997), emigrato clandestinamente negli States nel 1926 (la cittadinanza americana la ebbe solo nel 1962), é stato uno dei protagonisti dell’espressionismo astratto americano. Una pittura, la sua, connotata da una matrice inquieta e aggressiva, influenzata anche dalla sua formazione nordeuropea. Al contrario, questi ultimi lavori, realizzati nello studio newyorkese, sono la testimonianza di una serenità interiore finalmente maturata. Un traguardo per un’indole profondamente conflittuale che ebbe, durante la lunga esistenza, anche seri problemi di alcolismo.
La caratteristica di queste opere “senza titolo” é la luminosità. Sedici grandi spazi color della neve illuminati da linee curve vibranti di tonalità cromatiche che si abbracciano, danzando al suono di una musica melodica. Dichiarata fonte di ispirazione del momento, soprattutto Matisse e la luce intensa di Long Island.
Al termine della sua lunga parabola il grande adirato ha voluto riconciliarsi, più che con il mondo, con la natura”, scrive ancora Calvesi in catalogo. “La poesia è natura: sì, anche l’ascoltare piante che fremono nel vento, osservare alghe sciogliersi nell’acqua, accarezzare una donna, ed esaltare queste sensazioni nel colore.
Willem de Kooning, Untitled IX, 1982 dipinto, cm 175 x 202 Collezione Privata, New York Courtesy Museo Carlo Bilotti
A rafforzare la contestualizzazione romana della mostra (presentata per la prima volta in Italia, dopo l’Hermitage di San Pietroburgo) è il nucleo di dodici immagini fotografiche che raccontano il legame tra de Kooning e la città. Una tappa significativa per l’artista cinquantacinquenne (già piuttosto noto in Italia per aver partecipato alla Biennale di Venezia nel 1950, insieme a Pollock e Gorky) che a Roma soggiornò stabilmente tra il 1959 e il 1960, per tornandovi anche nel 1969.
Nelle foto -provenenti dall’archivio della Galleria La Tartaruga- appaiono anche i suoi amici, gli artisti Afro (con cui divise lo studio di via Margutta), Alberto Burri, Plinio De Martiis, Cy Twombly, il collezionista Giorgio Franchetti. Alcune immagini lo ritraggono anche durante una gita al Parco dei Mostri di Bomarzo, in un’altra è invece al poligono di tiro. Non solo disquisizioni sull’arte, quindi. Il clima era frizzante a piazza del Popolo e dintorni.

articoli correlati
Le anticipazioni sulla programmazione futura del museo

manuela de leonardis
mostra visitata il 4 novembre 2006


Willem de Kooning. Late Paintings
a cura di Julie Sylvester
Roma, Museo Carlo Bilotti
Aranciera di Villa Borghese
viale Fiorello La Guardia
mart.-dom. 9-19 (chiuso lun.)
biglietto intero € 6 - ridotto € 4
per informazioni tel. 0682059127
www.museocarlobilotti.it
catalogo Electa (italiano/inglese) a cura di Gianni Mercurio e Julie Sylvester


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di manuela de leonardis
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Afro, Alberto Burri, Carlo Bilotti, Cy Twombly, Gianni Mercurio, Gorky, Manuela De Leonardis, Matisse, Maurizio Calves, Maurizio Calvesi, Plinio De Martiis, Pollock, Willem de Kooning
 

2 commenti trovati  

19/11/2006
Windmilla, Roma
presentazione scolastica e superficiale di una mostra molto importante. sembra un temino da scolaretta

17/11/2006
Giovanni3
complimenti, articolo scritto molto bene, in modo chiaro e senza uso eccessivo di citazioni. invoglia alla visita della mostra.

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram